Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XX

../Sonetto XIX ../Sonetto XXI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XIX Sonetto XXI


SONETTO XX

Quanto s’ interna al cor più d’ anno in anno
   L’ amorosa mia vista, men m’ offende;
   La salute mi tolse, e al fin la rende
   Quel bel principio, ch’ è rimedio e danno.
Dilettosa fatica, utile inganno,
   Ch’ accorta d’ esso l’ alma si raccende
   A girle dietro; e dell’ error, ch’ intende,
   Si vive lieta, e del suo grave affanno.
Una viva ragion prima raffrena
   Il duol, poi lega i sensi; ed ella sciolta
   Con l’ alto mio pensier volano insieme.
E mentre in grembo a lor men vo raccolta,
   Sì poco il mortal peso l’ alma preme,
   Che se durasse, io sarei fuor di pena.