Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XXXVII

../Sonetto XXXVI ../Sonetto XXXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XXXVI Sonetto XXXVIII


SONETTO XXXVII

Appena avean gli spirti intera vita;
   Quando il mio cor prescrisse ogn’ altro oggetto,
   E sol m’ apparve il bel celeste aspetto,
   Della cui luce io fui sempre nodrita.
Qual dura legge ha poi l’ alma sbandita
   Dal grato albergo, anzi divin ricetto?
   La scorta, il lume, e ’l giorno l’ è interdetto;
   Ond’ or cammina in cieco error smarrita.
Soli Natura, e ’l Ciel con pari voglia
   Ne legò insieme; Ahi quale invido ardire,
   Quale inimica forza ne disciolse?
Se ’l viver suo nodrì mia frale spoglia,
   Per lui nacqui, era sua, per se mi tolse;
   Nella sua morte ancor dovea morire.