Rime nuove/Libro VIII/I tessitori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Poesie

../L'imperatore della Cina ../Note IncludiIntestazione 10 febbraio 2012 100% poesie

Libro VIII - L'imperatore della Cina Libro VIII - Note
[p. 767 modifica]


CIV.

I TESSITORI


Da Zeitgedichte di H. Heine


Non han ne gli sbarrati occhi una lacrima,
Ma digrignano i denti e a’ telai stanno.
— Tessiam, Germania, il tuo lenzuolo funebre,
E tre maledizion l’ordito fanno.
5Tessiam, tessiam, tessiamo!

Maledetto il buon Dio! Noi lo pregammo
Ne le misere fami, a i freddi inverni:
Lo pregammo, e sperammo, ed aspettammo:
Egli, il buon dio, ci sazïò di scherni.
10Tessiam, tessiam, tessiamo!

E maledetto il re! de i gentiluomini,
De i ricchi il re, che viscere non ha!
Ei ci ha spremuto infin l’ultimo picciolo,
Or come cani mitragliar ci fa.
15Tessiam, tessiam, tessiamo!

[p. 768 modifica]


Maledetta la patria, ove alta solo
Cresce l’infamia e l’abominazione!
Ove ogni gentil fiore è pesto al suolo,
E i vermi ingrassa la corruzïone!
20Tessiam, tessiam, tessiamo!

Vola la spola ed il telaio scricchiola,
Noi tessiamo affannosi e notte e dí:
Tessiam, vecchia Germania, il lenzuol funebre
Tuo, che di tre maledizion s’ordí.
25Tessiam, tessiam, tessiamo!