Rivista di Scienza - Vol. II/Die Neue Zeit, marzo 1907

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Chiri

Die Neue Zeit, marzo 1907 ../Naturwissenschaftliche Wochenschrift, N. F. Band III, Heft 38 und Band VI, Heft 43 ../Revue de Metaphysique et de Morale, mai 1907 IncludiIntestazione 13 febbraio 2014 75% Scienze

Naturwissenschaftliche Wochenschrift, N. F. Band III, Heft 38 und Band VI, Heft 43 Revue de Metaphysique et de Morale, mai 1907

[p. 418 modifica]Die Neue Zeit. (16 Marzo 1907). — H. Joffe, «Revolution und Kultur. Un capitolo di filosofia marxistica». Rivoluzione e Civiltà sembrano nell’ideologia «borghese» due concetti contrapposti. Ma nella concezione della filosofia marxistica rivoluzione non indica, come nel linguaggio comune, distruzione, bensì mutamento. L’A. studia il diverso modo di concepire i fenomeni della filosofia che egli dice borghese, per cui si vedono stati definitivi e fìssi e della filosofìa invece che egli dice marxistica, per cui non si vede che un continuo mutare e succedersi di stati a stati, i fenomeni evolvendosi continuamente in fenomeni diversi. L’A. applica questa concezione al campo sociale, [p. 419 modifica] dimostrando come nelle forme sociali si abbia un continuo divenire: dalle rivoluzioni, o mutamenti continui generali, nascono nuovi stati di vita. Il movimento odierno delle classi inferiori non è che una manifestazione di questa legge.

[Tali concezioni, in queste linee fondamentali, non sono proprie di parecchie altre filosofie oltre quella che l’A. chiama marxistica?

Se ne possono poi fare diverse applicazioni più o meno concesse, deducendone conclusioni più o meno vere].

Note