Saggio di rime devote e morali/Due Figli il ciel dell'amor mio pudico

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Due Figli il ciel dell'amor mio pudico

../O Immacolato Agnel del Dio vivente ../Mira dal ciel, ov'hai, cred'io, ricetto IncludiIntestazione 1 agosto 2012 100% Raccolte di poesie

O Immacolato Agnel del Dio vivente Mira dal ciel, ov'hai, cred'io, ricetto
[p. xlii modifica]

DUe Figli il ciel dell’amor mio pudico,
     Gentil donommi, e cari mi son questi;
     E un buon Consorte, i cui bei tratti onesti
     4Meritar che ciascun gli fosse amico.
Felsina ben tu sai se il vero io dico,
     Che sua virtute in tanto pregio avesti:
     Gia le Muse trattar spesso il vedesti
     8Là d’Elicona nel bel colle aprico;
E nel tuo onore, ed al tuo prò indefesso.
     Ma, lassa me! che cruda, invida Parca
     11Lui dal mio fianco svelse, e il fe’ sua preda.
Figli, tra poco un fato, un colpo istesso
     La Madre incontrerà, d’anni già carca.
     14Ah! pria l’orme di lui calcar vi veda.