Salmi (Diodati 1821)/capitolo 71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_70

../capitolo_72 IncludiIntestazione 19 maggio 2012 75% Da definire

capitolo 70 capitolo 72

[p. 489 modifica]

SALMO 71.

Davide si affida a Dio, domandandogli liberazione dai suoi nemici e protezione fino alla vecchiaia, per cui già glorifica il Signore.

1 SIGNORE, io mi son confidato in te, fa ch’io non sia giammai confuso.

2 Riscuotimi, e liberami, per la tua giustizia; inchina a me il tuo orecchio, e salvami.

3 Siimi una rocca di dimora, nella quale io entri sempre; tu hai ordinata la mia salute; perciocchè tu sei la mia rupe e la mia fortezza.

4 O Dio mio, liberami dalla man dell’empio, dalla mano del perverso e del violento.

5 Perciocchè tu sei la mia speranza, o Signore Iddio; la mia confidanza fin dalla mia fanciullezza1.

[p. 490 modifica]6 Tu sei stato il mio sostegno fin dal seno di mia madre; tu sei quel che mi hai tratto fuori delle interiora di essa; per te ho avuto del continuo di che lodarti.

7 Io sono stato a molti come un mostro; ma tu sei il mio forte ricetto.

8 Sia la mia bocca ripiena della tua lode, e della tua gloria tuttodì.

9 Non rigettarmi al tempo della vecchiezza; ora, che le forze mi mancano, non abbandonarmi.

10 Perciocchè i miei nemici tengono ragionamenti contro a me, e quelli che spiano l’anima mia prendono insieme consiglio2.

11 Dicendo: Iddio l’ha abbandonato; perseguitatelo, e prendetelo; perciocchè non vi è alcuno che lo riscuota.

12 O Dio, non allontanarti da me; Dio mio, affrettati in mio aiuto.

13 Sieno confusi, e vengano meno gli avversari dell’anima mia; quelli che procacciano il mio male sieno coperti di onta e di vituperio.

14 Ma io spererò del continuo, e sopraggiungerò ancora altre lodi a tutte le tue.

15 La mia bocca racconterà tuttodì la tua giustizia, e la tua salute; benchè io non ne sappia il gran numero.

16 Io entrerò nelle prodezze del Signore Iddio; io ricorderò la giustizia di te solo.

17 O Dio, tu mi hai ammaestrato dalla mia fanciullezza; ed io, infino ad ora, ho annunziate le tue maraviglie.

18 Non abbandonarmi ancora, o Dio, fino alla vecchiezza, anzi fino alla canutezza; finchè io abbia annunziato il tuo braccio a questa generazione, e la tua potenza a tutti quelli che verranno appresso.

19 E la tua giustizia, o Dio, esalterò sommamente: Perciocchè tu hai fatte cose grandi. O Dio, chi è pari a te?

20 Perciocchè, avendomi fatto sentir molte tribolazioni e mali, tu mi hai di nuovo resa la vita, e mi hai di nuovo tratto fuor degli abissi della terra3.

21 Tu hai accresciuta la mia grandezza, e ti sei rivolto, e mi hai consolato.

22 Io altresì, collo strumento del saltero, celebrerò te, e la tua verità, o Dio mio; io ti salmeggerò colla cetera, o Santo d’Israele.

23 Le mie labbra giubileranno, quando io ti salmeggerò; e insieme l’anima mia, la quale tu hai riscattata4.

24 La mia lingua ancora ragionerà tuttodì della tua giustizia; perciocchè sono stati svergognati, perchè sono stati confusi quelli che mi procacciavano male.