Serenade (A racuei)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Emilio Nardini Arturo Zardini 1921 S Canti cantastoria Serenade Intestazione 20 dicembre 2009 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

A racuei ti voi lis stelis
tal gran prât dal firmament;
jempli il zei cu' lis plui bielis
e po torni dal moment.



2 Planc, planchìn, une par une,
vie pe gnot vuei lâ cirìnt:
mi farai prestâ de lune
la sô sesule d'arìnt.



3 Cuissà l'Albe, simpri usade
a ciatâlis, co ven fur,
cui sa mai se, invelegnade,
no vorà tornâ indaûr?



4 O, viodìnt che a tì lis doi,
dute in grinte ti dirà:
No ti bàstino i tiei vôi?
lis mês stelis dami cà!


Traduzione

Vado a raccoglierti le stelle
nel gran prato del firmamento:
riempio la gerla con le più belle,
e ritorno in un momento.

2Pian pianino, una per una,
Via per la notte voglio andar cercando
mi farò prestar dalla luna
il suo falcetto d’argento…

3 Chissà l’alba sempre abituata
a trovarle, quando spunta,
chissà mai se invelenita
non vorrà tornare indietro?

4 O, vedendo che te le porgo,
tutta seccata ti dirà:
«Non bastano i tuoi occhi?
Rendimi le mie stelle!».