Sonetti lussuriosi (edizione 1986)/Libro secondo/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo
IV

../III ../V IncludiIntestazione 4 giugno 2008 75% Raccolte di poesie

Libro secondo - III Libro secondo - V

 
Morendo su le forche, un Ascolano,
qual era avvezzo a scaricar la foia,
vide, torcendo il capo, il culo al boia,
che li facea su ’l collo un ballo strano.

Subitamente, o fragil senso umano!5
il cazzo se gli arrizza, ancor che moia;
ma non se ’l mena già, che gli da noia
l’aver legata l’una e l’altra mano.

Così all’inferno, a cazzo ritto è andato,
e al Nemico, in vece di saluto,10
dentro del negro cul l’ebbe ficcato;

poi ringraziollo e disse: - O Pluto,
tu hai le corna ed io ti ho buggerato;
dunque ti posso dir becco fottuto.