De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
m (Altri due capitoli)
mNessun oggetto della modifica
<big><big>ὲ</big></big> adunque lω Idioma, de lω quale trattiamω (cωme ho dettω disωpra) in tre parti divi∫ω; perciò, che alcuni dicωnω ''oc'', altri ''sì'', εt altri ''oì''. <big><big>ε</big></big> che questω dal principiω de la cωnfu∫iωne fωsse unω mede∫imω (il che primiεramente prωvar si deve) appare; perciò, che si cωnvengωnω in mωlti vωcabuli, cωme gli εxcellεnti Dωttωri dimωstranω; la quale cωnveniεnzia repugna a la cωnfu∫iωne, che fu per il delittω ne la εdificaziωne di Babel. I dωttωri adunque di tutte tre queste lingue, in mωlte co∫e cωnvεngωnω, ε massimamente in questω vωcabulω Amωr. Gerardω di Brunel. ''Suri∫entis fez les armes Puεr encuser amωr''. Il Re di Navara. ''De fin amωr suvent sen, ε bentὲ''. M. Guidω Guinizεli. ''Nέ fu amωr, prima chε gentil cuore’, Nέ cuor gentil, pria chε d’amωr natura''.
 
Investighiamω adunque, perché εgli in tre parti sia principalmente variatω, ε perché ciascuna di queste variaziωni in sε stessa si varie; cωme’ ὲ, la dεstra parte d’Italia ha divεrsω parlare da quellω de la sinistra: cioὲ altramente parlanω i Padωani, εt altramente i Pi∫ani; <big><big>ε</big></big> investighiamω, perché quelli, che habitanω più vicini, sianω differεnti nel parlare, cωme ὲ i Milane∫i, ε Verone∫i, Rωmani, ε Fiωrentini; <big><big>ε</big></big> anchωra perché siano differεnti quelli, che si cωnvεngωnω sωttω unω istessω nωme di gεnte, cωme Napωletani, ε Gaetani; Ravegnani, ε Faentini; <big><big>ε</big></big> quel, che ὲ più meravigliω∫ω, cerchiamω, perché nωn si cωnvenganω in parlare quelli, che in una mede∫ima città dimωranω; cωme sωnω i Bωlωgne∫i del bωrgω di san Felice, εt i Bωlωgne∫i de la strada maggiωre’. Tutte queste differεnze adunque, ε variεtà di sermωne, che advεngωnω, cωn una istessa ragiωne sarannω manifεste. Dicω adunque, che niunω εffεttω avanza la sua cagiωne, in quantω εffεttω; perché niuna co∫a può fare, ciò ch’ella nωn ὲ; εssεndω adunque ωgni nostra lωquela (excεttω quella, che fu da Diω insiεme cωn l’homω creata) a nostrω bεnεplacitω raccωncia, dωpω quella cωnfu∫iωne, la quale niεnte altrω fu, chε una ωbliviωne de la lωquεla prima, εt εssεndω l’homω instabilissimω, ε variabilissimω animale, la nostra lωcuziωne, nέ durabile, nέ cωntinua può εssere; ma cωme le altre co∫e, che sωnω nostre (cωme sωnω cωstumi εt habiti) si mutanω, cωsì questa, secωndω le distanzie dei luoghi, ε dei tεmpi, ὲ bi∫ognω di variarsi; però non ὲ da dubitare, che nel modω, che havemω dettω, cioὲ, che cωn la distanzia del tεmpω, il parlare nωn si varii; anzi ὲ fermamente da tenere; perciò, che se nωi vωgliamω sωttilmente investigare le altre opere nostre, le trωveremω mωltω più differεnti da gli antiquissimi nostri cittadini, chε da gli altri de la nostra εtà quantunque ci sianω mωltω lωntani; il perché audacemente affermω, che se gli antiquissimi Pave∫i hora risu∫citasserω, parlerεbberω di divεrsω parlare di quellω, che hora parlanω in Pavia; nέ altrimente questω, ch’iω dicω, ci paja meravigliω∫ω, che ci parrεbbe a vedere un giωvane cre∫ciutω, il quale non havessimω vedutω cre∫cere. Perciò, che le co∫e, chε a pocω a pocω si movenω, il motω lωrω ὲ da nωi pocω cωnω∫ciutω, ε quantω la variaziωne de la co∫a ricerca più tεmpω ad εssere cωnω∫ciuta, tantω essa co∫a ὲ da nωi più stabile εxistimata. Adunque nωn si admiriamω se i discωrsi de gli homini, che sωnω pocω da le bεstie differεnti, pensanω, che una istessa città habbia sεmpre il mede∫imω parlare u∫atω; cωnciò sia, che la variaziωne del parlare di essa città, nωn sεnza lωnghissima successiωne di tεmpω a pocω a pocω sia divenuta; ε sia la vita de gli homini di sua natura brevissima; se adunque il sermωne ne la istessa gεnte (cωme ὲ dettω) successivamente cωl tεmpω si varia, nέ può per alcun modω firmarse, ὲ necessariω, che il parlare di cωlωrω, che lωntani, ε separati dimωranω, sia variamente variatω; sì cωme sωnω anchωra variamente variati i cωstumi, εt habiti lωrω, i quali, nέ da natura, nέ da cωnsorziω humanω sωnω firmati; ma a bεneplacitω, ε secωndω la cωnveniεntia de i luoghi na∫ciuti. Quinci si mosserω gli inventωri de l’arte Grammatica, la quale Grammatica nωn ὲ altrω, chε una inalterabile cωnfωrmità di parlare, in divεrsi tεmpi, ε luoghi; questa εssεndω di cωmun cωnsεnsω di mωlte gεnti regulata, nωn par suggεtta al singulare arbitriω di niunω, ε cωnseguεntemente nωn può εssεre variabile. Questa adunque trωvorωnω acciò, che per la variatiωn del parlare, il quale per singulare arbitriω si muove, nωn ci fωsserω o in tuttω tωlte, o imperfεttamente date le autωrità, εt i fatti de gli antiqui, ε di cωlωrω, da i quali la diversità de i luoghi ci fa εssere divi∫i.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Hora u∫cendω in tre parti divi∫ω (cωme disωpra ὲ dettω) il nostrω parlare, ne la cωmparaziωne di se stessω, secωndω che egli ὲ tripartitω, cωn tanta timidità lω andiamω pωnderandω; che nέ questa parte, nέ quella, nέ quell’altra habbiamω ardimentω di prepωrre, senωn in quellω ''sic'', che i Grammatici si truovanω haver pre∫ω per advεrbiω di affirmare; la qual co∫a pare, che dia qualche più di autωrità a lj’ Italiani, i quali dicωnω ''sì''. Veramente ciascuna di queste tre parti, cωn largω testimoniω si diffεnde. La lingua di ''oì'', allega per sέ, che per lω suω più facile, ε più dilettevωle volgarevωlgare, tuttω quellω, che ὲ statω traduttω, o verω ritrωvatω in pro∫a vωlgare ὲ suω; cioὲ la Bibia, i fatti de i Trωiani, ε de i Rωmani, le bellissime favωle del Re Artù, ε mωlte altre historie, ε dωttrine’. L’altra poi argumenta per sέ, cioὲ la lingua di ''oc''; ε dice; che i vωlgari εlωquεnti, scrisserω i primi pωεmi in essa, sì cωme in lingua più perfεtta, ε più dωlce; cωme fu Piεrω di Alvεrnia, εt altri mωltω antiqui Dωttωri. La tεrza poi, che ὲ de lj’Italiani, afferma per dui privilegii εsser superiωre; il primω ὲ, che quelli, che più dωlcemente, ε più sωttilmente hanno scritti pωεmi, sωnω stati i suoi dωmεstici, ε familjari; cioὲ {{Ac|Cino da Pistoia|Cinω da Pistωja}}, ε [[Autore:Dante Alighieri|lω Amicω suω]]. Il secωndω ὲ, che pare, che più s’accostinω a la Grammtica, la quale ὲ cωmune. E questω a cωlωrω, che voljωnω cωn ragiωne cωnsiderare, par gravissimω argumentω. Ma nωi, la∫ciandω da parte il giudiciω di questω, ε rivωlgεndω il trattatω nostrω al vωlgare’ Italianω, si sfωrzeremω di dire le variaziωni ricevute in essω; ε quelle’ fra sέ cωmpararemω. Dicemω adunque la Italia εssere primamente in due parti divi∫a, cioὲ ne la dεstra, ε ne la sinistra; ε se alcunω dimandasse quale ὲ la linea, che questa diparte; briεvemente rispωndω, εssere il Giωgω de l’Appenninω; il quale, cωme un cωlmω di fistula, di qua, ε di là a divεrse grωnde piove, ε l’acque di qua, ε di là per lunghi embrici a diversi liti distillanω: cωme {{Ac|Marco Anneo Lucano|Lucanω}} nel secωndω descrive; εt il dextrω latω ha il mar Tyrrhεnω per grωndatωiω, il sinistrω v’ha lω Adriaticω. Del dεstrω latω poi sωnω regiωni, la Pulja, ma nωn tutta, Rωma, il Ducatω, Tωscana, la Marca di GenωvaGεnωva; Del sinistrω sωnω parte de la Pulja, la Marca d’Ancωna, la Rωmagna, la Lωmbardia, la Marca Trivigiana cωn Venεzia. Il Friuli veramente, ε l’Istria nωn possωnω εssere senωn de la parte sinistra d’Italia; ε le I∫ωle del mar Tyrrhεnω, cioὲ Sicilia, ε Sardigna, nωn sωnω senωn de la dεstra: o veramente sωnω da εssere a la dεstra parte d’Italia accωmpagnate. In ciascunω adunque di questi dui lati d’Italia, εt in quelle parti, che si accωmpagnanω ad essi, le lingue de lj homini sωnω varie; cioὲ la lingua de i Siciliani cωi Pulje∫i, ε quella de i Pulje∫i cωi Rωmani, ε de i Rωmani cωi Spωletani, ε di questi cωi Tωscani, ε de i Tωscani cωi Genωve∫i, ε de i Genωve∫i cωi Sardi. E similmente quella dei Calavresi cωn lj’Ancωnitani, ε di cωstωrω cωi Rωmagnuoli, ε de i Rωmagnuoli cωi Lωmbardi, ε de i Lωmbardi cωi Trivigiani ε’ Veneziani, ε di questi cωi Furlani, ε di essi cωn lji Istriani [de la qual co∫a pensiamω nessun Italianω dissentire cωn nωi]; ne la qual co∫a dicω, che la Italia sωla appare in xiiij vωlgari εssere variata; ciascunω ede i quali anchωra in sε stessω si varia; cωme’ in Tωscana, i Sene∫i, ε lj’ Aretini; in Lωmbardia, i Ferrare∫i, ε Piacentini; ε parimente in una istessa città trωviamω εssere qualche variaziωne’ di parlare, cωme nel capitωlω disωpra habbiamω dettω. Il perché se vωremω calculare le prime, le secωnde, ε le sωttωsecωnde variaziωni del vωlgare d’Italia, adverrà, che in questω minimω cantωne del mωndω, si venirà nωn sωlamente a mille variaziωni di lωquεla, ma anchωra a mωltω più.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 

Menu di navigazione