Storia d'Italia/Libro I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo

../ ../Libro II IncludiIntestazione 16 maggio 2008 75% Storia

Storia d'Italia Libro II

Indice

Proposito e fine dell’opera. Prosperità d’Italia intorno al 1490. La politica di Lorenzo de' Medici ed il desiderio di pace de’ príncipi italiani. La confederazione de’ príncipi e l’ambizione de’ veneziani.
Morte di Lorenzo de’ Medici. Morte di papa Innocenzo VIII ed elezione di Alessandro VI. La politica amichevole di Piero de’ Medici verso Ferdinando d’Aragona ed i primi timori di Lodovico Sforza.
La vendita dei castelli di Franceschetto Cibo nel Lazio a Verginio Orsino. L’indignazione del pontefice e gli incitamenti di Lodovico Sforza. Questi cerca distogliere dall’amicizia per Ferdinando d’Aragona Piero de’ Medici. Confederazione di Lodovico co’ veneziani e col pontefice. Suoi pensieri di maggiormente assicurarsi con armi straniere.
Il reame di Napoli fino a Ferdinando ed i diritti di successione della casa d’Angiò. Ambizione di Carlo VIII sul reame e sollecitazioni di Lodovico Sforza. Disposizione contraria all’impresa de’ grandi del regno di Francia. Patti conclusi fra Carlo VIII e Lodovico Sforza. Considerazioni dell’autore.
Pubbliche dichiarazioni di fiduciosa sicurezza e segrete preoccupazioni di Ferdinando d’Aragona. Sua azione per allontanare da sé il pericolo e per riconciliarsi col pontefice e con Lodovico Sforza. Il re di Francia compone le sue divergenze co’ re di Spagna, col re de’ romani e con l’arciduca d’Austria. L’investitura di Lodovico Sforza a duca di Milano. Ambasciata di Perone di Baccie al pontefice, al senato veneziano ed a’ fiorentini. Piero de’ Medici di fronte alle richieste del re di Francia. Comincia a vacillare la congiunzione fra il pontefice e Ferdinando d’Aragona.
Il re di Francia allontana dal regno gli oratori di Ferdinando d’Aragona. Morte di Ferdinando. Giudizio dell’autore sul re. Confederazione fra il pontefice e Alfonso d’Aragona. Tentativi di riconciliazione di Alfonso con Lodovico Sforza e contegno di questo. Sollecitazioni degli ambasciatori del re di Francia per ottenere da’ fiorentini assicurazione d’alleanza o, almeno, di benevoli aiuti all’esercito francese. Richiesta al pontefice d’investitura di Carlo VIII a re di Napoli. Risposta del pontefice. Risposta del governo di Firenze agli oratori del re di Francia. Sdegno del re contro Piero. Neutralità di Venezia.
I preparativi del re di Francia per la spedizione contro il reame di Napoli e quelli di Alfonso per la difesa del reame. Aperte manifestazioni d’inimicizia di Alfonso verso Lodovico Sforza. Piani di guerra e progetti di Alfonso. Il papa, con l’aiuto di Alfonso, prende la rocca di Ostia, tenuta dalle genti del card. della Rovere. Lodovico Sforza, affermando al papa e a Piero de’ Medici la sua inclinazione alla pace, li rende indecisi negli aiuti ad Alfonso. Accordi per la comune difesa fra il pontefice e il re di Napoli. Condotta e propositi de’ Colonnesi.
La spedizione dell’armata di Alfonso d’Aragona contro Genova; tentativi contro la riviera di levante e loro fallimento. La spedizione dell’esercito di Alfonso in Romagna e le prime difficoltà incontrate. Piero de’ Medici fa unire truppe soldate da’ fiorentini all’esercito aragonese. Azione del pontefice e di Alfonso presso il senato veneziano, presso i re di Spagna e presso Baiset. Nuovi intrighi di Lodovico Sforza.
Paurosi prodigi e terrore in Italia per la venuta de’ francesi. Improvvisa incertezza del re di Francia per l’opposizione della corte alla spedizione in Italia. Incitamenti del cardinale di San Pietro in Vincoli. Il passaggio delle Alpi pel Monginevra e l’entrata in Asti di Carlo VIII. Suo ritratto fisico e morale.
L’armata aragonese di nuovo contro Genova. Sconfitta di Obietto dal Fiesco a Rapallo. Rinuncia di don Federigo d’Aragona ad ogni altra impresa d’importanza contro le riviere.
L’esercito di Carlo VIII. Perfezione delle artiglierie francesi. Altre ragioni che rendevano formidabile l’esercito francese. Diversità fra le milizie italiane e l’esercito di Carlo.
I Colonnesi, occupata la rocca di Ostia, si dichiarano apertamente per il re di Francia. Scarsa fortuna dell’esercito aragonese in Romagna.
Visita di Carlo VIII a Giovan Galeazzo Sforza infermo nel castello di Pavia. Notizia a Carlo giunto a Piacenza della morte di Giovan Galeazzo. Lodovico Sforza assume i titoli e le insegne del ducato di Milano. Sospetti e voci intorno alla morte di Giovan Galeazzo. Il re di Francia dopo nuove incertezze delibera di continuare l’impresa.
Incitamenti di Lorenzo e di Giovanni de’ Medici a Carlo VIII perché s’accosti a Firenze. Aumenta lo sdegno di Carlo contro Piero de’ Medici. L’esercito francese passa l’Appennino. Gli svizzeri di Carlo prendono Fivizzano compiendo stragi. Le fortezze di Serezana e di Serezanello. Malumore in Firenze contro Piero de’ Medici. Questi consegna fortezze de’ fiorentini a Carlo. L’esercito aragonese si ritira dalla Romagna e la flotta dal porto di Livorno.
Piú vivo sdegno de’ fiorentini contro Piero de’ Medici per i patti conclusi col re di Francia. Lodovico Sforza ottiene l’investitura di Genova. Si impedisce a Piero de’ Medici di entrare nel palazzo della signoria. Tumulto del popolo e fuga di Piero da Firenze. La precedente potenza della casa de’ Medici in Firenze. I pisani si rivendicano in libertà col consenso di Carlo VIII. Contrari consigli del cardinale di San Piero in Vincoli ai pisani.
Carlo VIII in marcia verso Firenze si ferma a Signa con intenzioni ostili. Precauzioni de’ fiorentini e nascosti preparativi di difesa. Entrata di Carlo in Firenze. Eccessive esigenze di Carlo ed eccitazione degli animi de’ fiorentini. Piero de’ Medici, invitato da Carlo, si consiglia co’ veneziani che lo confortano a non muoversi da Venezia. Sdegnose parole di Pier Capponi a Carlo e patti conclusi fra questo e i fiorentini.
Carlo VIII da Siena, di governo libero ma turbata dalle fazioni, s’incammina verso Roma. Timori del senato veneziano e del duca di Milano per i buoni successi di Carlo. Titubanze del pontefice mentre l’esercito francese s’avvicina a Roma. Sottili accordi fra gli Orsini e il re di Francia. Entrata di Carlo in Roma. Patti e riconciliazione fra il pontefice e Carlo.
Favore delle popolazioni del reame di Napoli per i francesi. Alfonso d’Aragona abbandona l’autorità di re a favore del figliuolo Ferdinando e fugge a Mazari in Sicilia. Ferocia dei francesi al Monte di San Giovanni.
Le truppe aragonesi si ritirano a Capua. Gianiacopo da Triulzio, durante l’assenza di Ferdinando, stringe accordi per la resa con Carlo VIII. Parole di Ferdinando ai napoletani. Partenza di Ferdinando da Napoli. Verginio Orsini e il conte di Pitigliano fatti prigioni dai francesi. Entrata di Carlo in Napoli.