Storia d'Italia/Libro III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo

../Libro II ../Libro IV IncludiIntestazione 19 maggio 2008 75% Storia

Libro II Libro IV

Indice

Lodi generali al senato veneziano ed al duca di Milano per aver essi liberato l’Italia dai francesi. Lodovico Sforza mantiene fede solo ad alcune delle condizioni di pace. Fa spogliare delle scritture riguardanti i patti conclusi con Carlo VIII l’oratore fiorentino. Ambizione de’ veneziani e dello Sforza al dominio di Pisa. Restituzione della terra e delle fortezze di Livorno ai fiorentini. Entraghes malgrado le lettere del re non consegna Pisa ai fiorentini ed impedisce che essi se ne impadroniscano.
Difficoltà create a’ fiorentini da’ potentati della lega. Lotta di fazioni in Perugia e nell’Umbria. Vani tentativi di Piero de’ Medici per avere aiuti sufficienti ad entrare in Firenze. Verginio Orsino passa al soldo del re di Francia.
Nuove vicende della lotta tra francesi ed aragonesi nel reame di Napoli. La fortuna francese declina in Calabria. Carlo VIII consuma in divertimenti il tempo a Lione. Ricusa proposte fatte avanzare da’ veneziani per decidere le cose del reame di Napoli.
Intimazione del re di Francia al castellano di Pisa d’osservare gli ordini suoi riguardo alla consegna della fortezza. Il castellano consegna la fortezza a’ pisani. I pisani distruggono la fortezza e si rivolgono al re de’ romani e a diversi stati d’Italia per aiuti. I pisani si pongono sotto la protezione de’ veneziani. Il senato li riceve in protezione. Esaltazione in Milano della sapienza e dell’ingegno di Lodovico Sforza. Per opera di questo le fortezze di Serezana e Serezanello son consegnate a’ genovesi anziché a’ fiorentini.
Ferdinando d’Aragona minacciato dalla venuta di nuove truppe nemiche. Aiuti de’ veneziani e degli altri confederati a Ferdinando. Nuove vicende della guerra. Equilibrio delle forze avversarie.
Carlo VIII, anche per sollecitazioni di altri, torna a pensare alle cose d’Italia. Deliberazioni del consiglio regio e preparativi per una nuova spedizione in Italia. Timori e azione politica di Lodovico Sforza. Indugi frapposti alla spedizione dal cardinale di San Malò. Scarsi aiuti mandati da Carlo in Italia.
Nuove vicende della guerra nel reame di Napoli. Declina di nuovo la fortuna de’ francesi. Vittoria di Consalvo in Calabria. Resa di Atella. Continui progressi degli aragonesi. Morte di Ferdinando e successione di Federico. Continuano gli indugi nella spedizione francese in Italia.
Colloqui e accordi di Lodovico Sforza con Massimiliano Cesare. Massimiliano Cesare in Italia. Fedeltà de’ fiorentini ai francesi e consigli politici del Savonarola. Vicende della guerra de’ fiorentini per riconquistare Pisa. Morte di Piero Capponi. Maggiori aiuti de’ veneziani a Pisa e minore fiducia de’ pisani in Lodovico Sforza
Massimiliano Cesare chiede a’ fiorentini che sia a lui rimessa la questione con Pisa. I veneziani mandano nuove genti a Pisa. Risposta de’ fiorentini a Massimiliano Cesare. Colloquio de’ legati fiorentini col duca di Milano.
Felice sbarco a Livorno di granaglie per i fiorentini. Contraria fortuna di Massimiliano Cesare nel tentativo d’impadronirsi di Livorno. Massimiliano Cesare con pochissima dignità del nome imperiale abbandona la Toscana e l’Italia e si ritira in Germania. Lodovico Sforza ritira le sue genti da Pisa.
Resa di Taranto a’ veneziani. Il re di Francia progetta d’impadronirsi di Genova. Il pontefice dichiara confiscati gli stati degli Orsini. Guerra con gli Orsini e patti che la concludono. Presa di Ostia. Consalvo accolto trionfalmente in Roma e dal pontefice.
Carlo VIII tratta la tregua co’ re di Spagna e manda milizie contro il territorio di Genova e contro il ducato di Milano, occupando alcune terre. Infelice esito dell’impresa e probabili cause dell’insuccesso. Patti della tregua fra il re di Francia e i re di Spagna. I francesi perdono in Italia quasi tutte le terre recentemente occupate. I fiorentini occupati nella riconquista di Pisa accettano malvolentieri la tregua.
Il duca di Milano propone a’ collegati di cedere Pisa a’ fiorentini per staccarli dal re di Francia. Fallimento della proposta. Condizioni interne di Firenze. Vano tentativo di Piero de’ Medici di rientrare in Firenze. Turpitudini e tragedie nella famiglia del pontefice. La condanna de’ compromessi nel tentativo di Piero de’ Medici.
Federico d’Aragona ricupera altre terre. Conclusione della tregua fra i re di Spagna e Carlo VIII. Morte di Filippo duca di Savoia. Il duca di Ferrara consegna il castello di Genova a Lodovico Sforza. Continui dubbi e negligenza del re di Francia e conseguenze che ne derivano per le cose d’Italia. Si torna a discutere fra i collegati italiani dell’opportunità di cedere Pisa a Firenze. Obiezione e opposizione de’ veneziani.
Morte di Carlo VIII e sue conseguenze. Decadenza dell’autorità del Savonarola in Firenze. Suo conflitto col pontefice. Suo supplizio.