Storia d'Italia/Libro X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro decimo

../Libro IX ../Libro XI IncludiIntestazione 22 maggio 2008 75% Storia

Libro IX Libro XI

Indice

Il re di Francia ordina che le milizie si ritirino nel ducato di Milano; suo contegno amichevole e di devozione al pontefice; i Bentivoglio imitano il re. Il Triulzio licenzia parte de’ soldati. Condizioni di pace del pontefice. Progetti di Massimiliano e sua impotenza d’effettuarli.
Azione del pontefice contro la convocazione del concilio di Pisa; convocazione d’un concilio universale in San Giovanni in Laterano; intimazione a’ cardinali dissidenti. Politica del pontefice verso il re di Francia. Confederazione tra i fiorentini e i senesi.
L’esercito franco tedesco contro i veneziani; i veneziani abbandonano diverse terre; fazioni di guerra; i veneziani perdono e ricuperano il Friuli. Difficoltà poste innanzi da Massimiliano riguardo al concilio pisano; continuano le trattative di pace fra il pontefice e il re di Francia.
Grave malattia del pontefice e tentativo di giovani della nobiltà romana di infiammare il popolo contro il potere sacerdotale. Bolla pontificia contro la simonia nell’elezione de’ papi. Il pontefice indeciso fra la pace e la preparazione della guerra alla Francia. Indecisione e sospetti del re di Francia.
I procuratori de’ cardinali dissidenti celebrano gli atti per l’apertura del concilio pisano, e il pontefice lancia l’interdetto contro Firenze e Pisa. Dissensioni in Firenze; simpatie di molti pel cardinale de’ Medici. I fiorentini appellano dall’interdetto. Il concilio di Pisa e la questione di Bologna ostacoli alla pace. Confederazione fra il pontefice, il re d’Aragona e il senato veneziano e sue condizioni.
Diversità di giudizi intorno alla politica del pontefice. Atti del pontefice contro a’ cardinali dissidenti; sdegno suo contro Firenze e il Soderini. Orazione del Soderini perché si usino le entrate dei beni delle chiese se il pontefice muoverà guerra. Ragioni per cui si delibera di non assalire i fiorentini.
I fiorentini vietano l’ingresso in Toscana e in Pisa alle milizie francesi al seguito de’ cardinali del concilio. Avversione al concilio del popolo e dei sacerdoti pisani; per un tumulto i cardinali deliberano di trasferire il concilio a Milano. Avversione al concilio anche del popolo milanese. Freddezza di Massimiliano riguardo al concilio e suo contegno ambiguo di fronte alle questioni politiche. Condizioni difficili del re di Francia per la politica degli altri sovrani e del pontefice.
Disegni del re di Francia dopo l’interruzione delle pratiche di pace. Notizie intorno agli svizzeri. Gli svizzeri entrano nel ducato di Milano. Ne escono, dopo poco, con sorpresa generale. Il re di Francia chiede a’ fiorentini che concorrano con aiuti alla guerra. Contrastanti opinioni in Firenze. Il Guicciardini inviato come ambasciatore al re d’Aragona.
La bastia del Genivolo è presa da’ fanti spagnuoli e ben presto ripresa dal duca di Ferrara. L’esercito ispano pontificio sotto Bologna. Discussioni e varietà di pareri nell’esercito. Assalto a Bologna; miracoloso effetto della mina posta alla cappella del Baracane. Entrata dell’esercito francese in Bologna, gli ispano pontifici levano il campo e si ritirano verso Imola.
I veneziani prendono Brescia e Bergamo; subita partenza del Fois per affrontare i nemici. Vittoria del Fois alla torre del Magnanino. Presa e saccheggio di Brescia.
Per ordine del re, il Fois s’accinge ad affrontare l’esercito de’ collegati. Alleanza fra il pontefice e il re d’Inghilterra. Lamentele di Massimiliano riguardo al re di Francia. Timori del re per gli svizzeri. Nessuna speranza del re nella concordia. I fiorentini assolti dalle censure dal pontefice. Ordine del re al Fois di marciare, ove sconfigga i nemici, su Roma con un legato del concilio pisano.
Le forze del Fois, suo desiderio di affrontare i nemici, e ritirata di questi. Il re di Francia ordina di affrettare l’azione, per la tregua conclusa fra Massimiliano e i veneziani. Presa e sacco di Russi. L’esercito francese sotto Ravenna. Vano assalto alla città difesa da Marcantonio Colonna.
L’esercito dei collegati si stanzia a tre miglia da Ravenna; deliberazione del Fois di assaltarlo. Ordine dell’esercito francese e parole del Fois ai soldati. Ordine dell’esercito dei collegati. La battaglia di Ravenna. Le perdite de’ due eserciti. Sacco di Ravenna, l’esercito francese dopo la morte del Fois.
I cardinali premono sul pontefice per indurlo alla pace; per la deliberazione contraria insistono gli ambasciatori del re d’Aragona e de’ veneziani; incertezza del pontefice piú propenso alla guerra che alla pace. Fuggevoli speranze di pace. Il pontefice incoraggiato dall’allontanarsi della minaccia francese. Si apre il concilio lateranense.
Il re di Francia sempre piú disposto alla pace col pontefice. Il pontefice continua invece ad ostacolarla. Ossequi al cardinale de’ Medici prigione in Milano e legato apostolico. Il re di Francia richiama le milizie nel ducato di Milano e rinnova la confederazione co’ fiorentini.
Gli svizzeri, accettato il soldo del pontefice, si radunano a Coira. Le forze francesi fortemente diminuite in Italia. I fanti tedeschi per intimazione di Massimiliano abbandonano l’esercito francese. I francesi si ritirano dal ducato di Milano. Il cardinale de’ Medici liberato dai paesani di Pieve del Cairo. Le città del ducato costrette a pagare taglie agli svizzeri. Mutamenti politici dopo la ritirata dei francesi.