Supplemento alla Storia d'Italia/XCIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XCIV - Il Direttorio rinvia ratificati i preliminari di pace coll'Imperatore a Bonaparte, e gli addita le operazioni che gli rimangono a fare

../XCIII ../XCV IncludiIntestazione 14 ottobre 2009 75% letteratura

XCIV - Il Direttorio rinvia ratificati i preliminari di pace coll'Imperatore a Bonaparte, e gli addita le operazioni che gli rimangono a fare
XCIII XCV



[p. 180 modifica]

Parigi, il 5 fiorile anno 5 (4 Maggio 1797)


XCIV - Il Direttorio esecutivo a Bonaparte Generale in capo.


Vi mandiamo, cittadin Generale, la ratifica dei preliminari della pace, che avete firmata con i plenipoteziarj dell’Imperatore, e ci occupiamo tosto del congresso che deve tenersi a Berna, onde sollecitare la conclusione del trattato definitivo. La nostra moderazione sarà ammirata dall’Europa in mezzo ai successi che immortalano le tre armate francesi che occupano l’Alemagna; ma la pace ne sarà più stabile, e noi siamo soddisfatti della saggezza della vostra negoziazione. Facendo ripiegare l’armata dopo le clausole del trattato preliminare, osserverete senza dubbio tutte le precauzioni che esige l’insalubrità del clima nelle pianure dell’Italia: collocate le truppe nelle posizioni dove possano attendere l’esito del congresso senza indebolirsi per le malattie, e senza ammollirsi pel rilassamento della disciplina. Trattando con lealtà della pace, fa d’uopo conservare tutti i nostri vantaggi, ed impedire perciò che il nemico formi delle pretensioni esagerate.

Desideriamo vivamente, cittadin Generale, il vostro ritorno in Francia: siamo impazienti di rivedervi e di darvi tutte le testimonianze dovute ad un Generale che ha onorato la Repubblica, e che avrà un gran nome nell’istoria della guerra della libertà. Ci rincresce di contrariare un momento i vostri desiderj pel riposo, e per la vita privata, dopo aver ottenuto tutti i successi che può offrire la carriera dell’armi; ma la vostra presenza all’armata ci sembra ancora necessaria: ella sola può consolidare il nuovo ordine di cose che è per stabilirsi in Italia. L’organizzazione interna della Repubblica lombarda, la creazione del suo stato militare, le disposizioni che esige la sua indipendenza verso le potenze vicine, e la sua interna sicurezza non possono appartenere che a voi. Poiché lo stabilimento di questo stato libero è uno dei frutti principali delle nostre vittorie, e soprattutto l’opera dell’armata d’Italia, vi troverete [p. 181 modifica]particolarmente interessato ad assicurarne la prosperità, la potenza, e la durata.

Un altro motivo, che dee prolungare ancora per qualche tempo il vostro soggiorno in coteste contrade, è la pubblicità che il Governo veneziano ha dato al suo odio contro la Francia. Prendete verso lui tutte le misure di sicurezza che autorizza l’insurrezione che si manifesta; andate se bisogna, fino a Venezia, e rendeteci conto delle vostre disposizioni, onde istruire il Corpo Legislativo della necessità in cui vi sarete trovato di agire ostilmente verso questa perfida potenza.

Letourneur Presidente.