Tornami a mente il dolce atto natio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Anton Maria Salvini

T Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Tornami a mente il dolce atto natio Intestazione 12 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Maria Salvini


[p. 373 modifica]

III


Tornami a mente il dolce atto natìo,
     Per cui fui preso da gentil beltate;
     Bassando gli occhi, parea dir: mirate
     Com’io son bella, e qual mi fece Iddio.
5Da modestia mirai temprato brio,
     Mirai maturo senno in fresca etate;
     E nel bel volto pien di gravitate
     La Maraviglia un gran teatro aprìo.
Ciò, ch’io vi scorsi, e scorgerovvi ognora,
     10Nol sa neppur ridir lingua mortale,
     Che nell’opre il Fattore ama, ed adora.
Nè umano sil giammai tant’alto sale
     Da spiegar quel, che l’anima innamora,
     Di leggiadra beltà raggio immortale.