Trattato di archeologia (Gentile)/Arte romana/II/Secondo periodo/Plastica/VII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Plastica - La scultura sepolcrale in Roma. I sarcofaghi.

../VI ../VIII IncludiIntestazione 5 novembre 2012 75% Archeologia

Arte romana - VI Arte romana - VIII
[p. 302 modifica]

VII. La scultura sepolcrale in Roma.

I sarcofaghi.


Una classe assai importante di monumenti scultorî dell’età degli Antonini sono i sarcofaghi, in cui deponevansi interi i cadaveri quando il rito della cremazione già cedeva luogo all’umazione. Sono anche di pietra capaci di uno o due corpi, sormontati di coperchio, sul quale è la figura del defunto; prendono talvolta forme architettoniche di casa, di tempio o d’altare, e si adornano di sculture sulla faccia anteriore e sulle due laterali minori, restando liscia la faccia posteriore addossata di solito al muro. Gli ornamenti plastici sono fiorami, festoni, frutti, puttini, medaglioni coi ritratti dei defunti e i nomi inscritti in tavolette sostenute da genietti; molti sarcofaghi hanno vaste rappresentazioni, ora di scene familiari, o mortuarie, ora di scene mitiche ed eroiche con simboliche relazioni ai funerali e alle credenze pagane d’oltre tomba, come, p. es., il mito di Endimione (significante il sonno seguito da un risveglio nella beatitudine celeste), o il mito di Amore e Psiche (simbolo della trasmigrazione dell’anima a più felice soggiorno, o dell’anima purificata dall’amore divino); ed altri tolti dal ciclo Dionisiaco, che però ha sempre riferimento in tal caso, al tripudio della [p. 303 modifica]vita d’oltretomba, sciolta dai dolori di quella terrena.

Tali rappresentazioni sono assai importanti come fonti per la conoscenza di nuove idee nella religione romana, e di nuove tendenze del sentimento.

Ma quanto all’arte questi sarcofaghi, salvo eccezioni, sono opera manuale o industriale; per lo stile molti accennano alla decadenza dell’arte, o sono lavori quasi inartistici e fatti alla lesta con figure affollate, scarsa varietà di motivi, esecuzione negletta, malgrado il ricordo nella composizione di classici modelli1.

Noi qui non possiamo che tener conto di quelli eseguiti in buon stile, che risente ancora dello spirito artistico greco.

Note

  1. Intorno ai sepolcri, ai sarcofaghi, ai monumenti sepolcrali in genere ved. all’Indice generale, Bianchini, Bartoli e Belloni; inoltre G. P. Campana, Illustrazioni di due sepolcri del secolo di Augusto scoperti tra la via Latina e l’Appia presso la tomba degli Scipioni, Roma, 1852. 2^ ediz. Per i monumenti sepolcrali etruschi ved. nell’Indice generale Bindseil e Orioli.