Trattato di architettura civile e militare I/Trattato/Libro 1/Capo 5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Trattato - Libro 1 - Capo 5

../Capo 4 ../Capo 6 IncludiIntestazione 25 agosto 2016 75% Da definire

Trattato - Capo 4 Trattato - Capo 6

[p. 138 modifica]

CAPO V.

Come le città debbano essere guardate dai venti nocivi.

Nella quinta è da considerare un’altra cagione, e questa si è la natura dei venti, dove è da intendere, secondo che testifica Aristotile nella Meteora (1), tutti i venti essere d’una medesima sostanza, come tutti sono esalazioni calide e secche lateralmente mosse a gran distanza, e ogni loro differenza essere accidentale, secondochè per diverse plaghe o climati mossi sono: dalla qual cosa ne segue che un vento più pernicioso dell’altro non può essere se non in quanto per alcuni luoghi passa, dove trovando molti vapori da terra elevati pestiferi, seco d’un luogo ad un altro trasporta, o veramente per mala qualità del corpo dal quale sono generati. Onde vedendosi per esperimento nelle parti massime d’Italia il vento australe molto pernicioso e infermo essere agli uomini, e non solo nelle parti d’Italia ma quasi generalmente per tutto, altro dir non si può se non che quelli dal mare Oceano (sic), o dalla Barberia, o dal mare Tirreno non piccola quantità di maligni vapori seco conducano.

Da questo vento adunque precipuamente debba l’architettore le città da edificarsi ovvero altre sue opere difendere, e massimamente nell’aere grosso dove questo vento è più nocivo; e similmente quando fosse aere sottile mediocre sopra alcun poggio il quale fosse tanto eminente che gli altri superasse, perocchè quella malignità a poco a poco ascendendo, insieme con i venti insino a detto luogo perviene.

Ma quando l’aere fosse sottile sopra ad alcun poggio il quale verso mezzogiorno precedesse alcun altro poggio più eminente, allora la città verso scilocco volger si debba, cioè fra levante e mezzogiorno. Per simil modo avvertenza si debba avere di difendere le città da situarsi nell’aere sottile dal vento chiamato borea opposto al mezzogiorno, perocchè l’austro nell’aere denso e in luoghi espediti dove non ha qualche ostacolo di monti intermedi causa diverse egritudini, così il borea [p. 139 modifica]nell’aere sottile molte pleuresi e catarri descendenti produce. E universalmente sempre a quei venti ostar si debba, che più possono la terra offendere.

Ed è da sapere che se presso alla città fosse alcuno stagno o palude di notabile quantità, quel vento che per quella linea venisse sempre esser maligno, dal quale è da guardarsi. Non voglio due esempi passare a confermazione di questo. Il primo, descrive Vitruvio (2) che nell’isola di Lesbo un castello fu edificato chiamato Mittilene, magnifico ed elegante, ma non prudentemente posto, perchè benchè in se proporzionato fosse, era niente di meno dai venti australi offeso, quali degli abitanti di molte infermità erano cagione; similmente dal vento maestrale pativano gli uomini tosse, avvegnachè da tramontana o borea spesse volte fossero redutti alla pristina sanità, per le quali infermità molto incomoda era l’abitazione loro. E il secondo testifico io aver visto nella marittima della città di Siena (3), perocchè in un medesimo giorno e ora più che tre mila corpi ammorbarono agitati da venti meridionali e convicini a quelli. A queste e simili condizioni debba l’architettore avere avvertenza quanto il tempo e luogo alla possibilità comportano. Perocchè quello disprezzate seguono le male disposizioni dei corpi umani, moltiplicano le egritudini, delle quali cose la desolazione delle città ne risulta, come a Marco Hostilio in Puglia avvenne, che avendo una grandissima città con sommo ordine e grandissimo dispendio edificata, per la mala complessione dei venti che la città offendevano, in breve spazio di tempo furono costretti gli abitanti quella abbandonare e in altri paesi trasmigrare (4). E queste cinque parti generali debbono essere estrinseche agli edifici chiamate.

  1. Meteoron I. 13, e II, 4, 5, 6.
  2. Lib. I, cap. 6.
  3. Il codice sanese legge: Nella marittima della mia città di Siena.
  4. Vitruvio. Lib. I, cap. 4.