Tremendo Re, che ne' passati tempi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Marchetti

T Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Tremendo Re, che ne’ passati tempi Intestazione 2 maggio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Marchetti


[p. 266 modifica]

I


Tremendo Re, che nè passati tempi
     Dell’infinito tuo poter mostrasti
     Sì chiari segni, e tante volte agli Empi
     L’alte corna ad un sol cenno fiaccasti;
5Di quel popol fedel che tanto amasti,
     Mira, pietoso Dio, mira gli scempi,
     Mira dell’Austria i fier’incendi e vasti,
     Arsi i palagi, e desolati i tempi.
Mira il Tracio furor, ch’intorno cinge
     10La real Donna del Danubio, e tenta
     Con mille e mille piaghe aprirle il fianco.
Tremendo Re, che più s’indugia, ed anco
     Neghittosa è tua destra? Or che non stringe
     Fulmini di vendetta, e non gli avventa?