Un picciol verme, entro di me già nato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Magalotti

U Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Un picciol verme, entro di me già nato Intestazione 22 aprile 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Lorenzo Magalotti


[p. 246 modifica]

I


Un picciol verme, entro di me già nato,
     Tentar le vie del sangue ebbe ardimento,
     E su quel corse a nuoto a suo talento
     Delle viscere mie per ogni lato,

[p. 247 modifica]

5Il gemino del cor lago infocato
     Vide, e i due monti, u’ s’attesora il vento,
     Ch’è vita; e al fin per cento seni e cento
     Alle sfere del cerebro fu alzato.
E ricercato in van l’alto e ’l profondo
     10Dell’alma in traccia delirar s’udìo:
     Qui tutto è di materia inutil pondo.
Tal delirò quell’Empio in suo desìo,
     Che cieco a brancolar si diè sul Mondo,
     E disse nel suo cor: non evvi Dio.