Varon Milanes/Sonett de mì al leciò

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonett de mì al leciò

../Sonett de mì all'Ill. Sig. Ercol Galarà Nobel Milanes ../Sonett del componò de la neuva racolta milanesa IncludiIntestazione 25 luglio 2016 100% Da definire

Sonett de mì all'Ill. Sig. Ercol Galarà Nobel Milanes Sonett del componò de la neuva racolta milanesa
[p. 10 modifica]

SONETT

DE MÌ

AL LECIÒ.


ORsù tas mò, che soo quel te veù dì,
     Parchè n’ho fai compj sto mè librett,
     Te diree, che nol veur varì on pett,
     E che’l pù bel, l’è quel t’he sgià fai tì.

Scholtee, nò possa mai andà da chì,
     Se mì no eva spass, e gran delett,
     A podè pruma fà on sald e nett,
     Par podè dì, vitt mò che l’hò fai mì.

Mà l’è vegnù da mì sti dì on sagg,
     Con tant zimoi, e sciansc, e bel parol,
     Par vorel fà stampà pù prest che s’ pò.

Che ghe l’hoo dà per teum da i spal l’impagg.
     Orsù và mò, che ’l rest e tel darò,
     Và và te see content, te see sagol.