Versi editi ed inediti di Giuseppe Giusti/Affetti d'una Madre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Affetti d’una Madre

../Preterito più che perfetto del Verbo Pensare ../Per il primo Congresso dei Dotti IncludiIntestazione 11 novembre 2020 100% Da definire

Preterito più che perfetto del Verbo Pensare Per il primo Congresso dei Dotti
[p. 61 modifica]

AFFETTI D’UNA MADRE.



Presso alla culla in dolce atto d’amore,
     Che intendere non può chi non è madre,
     Tacita siede e immobile; ma il volto
     Nel suo vezzoso bambinel rapito,
     Arde, si turba e rasserena in questi
     Pensieri della mente inebrïata.

Teco vegliar m’è caro,
     Gioir, pianger con te: beata e pura
     Si fa l’anima mia di cura in cura;
     In ogni pena un nuovo affetto imparo.

Esulta, alla materna ombra fidato,
     Bellissimo innocente!
     Se venga il dì che amor soavemente
     Nel nome mio ti sciolga il labbro amato;

Come l’ingenua gota e le infantili
     Labbra t’adorna di bellezza il fiore,
     A te così nel core
     Affetti educherò tutti gentili.

Così piena e compita
     Avrò l’opra che vuol da me natura;
     Sarò dell’amor tuo lieta e sicura,
     Come data t’avessi un’altra vita.

Goder d’ogni mio bene,
     D’ogni mia contentezza il Ciel ti dia!
     Io della vita nella dubbia via
     Il peso porterò delle tue pene.

[p. 62 modifica]


Oh, se per nuovo obietto
     Un dì t’affanna giovenil desìo,
     Ti risovvenga del materno affetto!
     Nessun mai t’amerà dell’amor mio.

E tu nel tuo dolor solo e pensoso
     Ricercherai la madre, e in queste braccia
     Asconderai la faccia;
     Nel sen che mai non cangia avrai riposo.