Vite dei filosofi/Libro Settimo/Vita di Dionisio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro Settimo - Vita di Dionisio

../Vita di Erillo ../Vita di Cleante IncludiIntestazione 12 luglio 2022 75% Da definire

Diogene Laerzio - Vite dei filosofi (III secolo)
Traduzione dal greco di Luigi Lechi (1842)
Libro Settimo - Vita di Dionisio
Libro Settimo - Vita di Erillo Libro Settimo - Vita di Cleante

[p. 142 modifica]

CAPO IV.


Dionisio.


I. Dionisio il Disertore disse fine la voluttà per la grave circostanza di una malattia agli occhi: avvegnachè soffrendo assai, non osò chiamare indifferente il dolore.

II. Era figlio di Teofrasto, ed era della città d’Eraclea.

III. Narra Diocle, che fu prima uditore di Eraclide, suo concittadino, poi di Atessino e di Menedemo, finalmente di Zenone. Che da principio, essendo amante delle lettere, intraprese ogni maniera di poemi, ma che dopo aderì ad Arato imitandolo. Che separatosi da Zenone, si rivolse a’ Cirenaici, e andò ne’ bordelli e palesemente si diede agli altri piaceri.

IV. E’ passò di vita per inedia nell’ottantesim’anno.

V. Corrono questi suoi libri: Dell’apatia, 2 — Dell’esercìzio, 2 — Della voluttà, 4 — Della ricchezza, e della grazia, e della penaDell’uso degli uominiDel buon successoDegli antichi reDelle cose che si lodanoDei costumi dei barbari. — E questi sono i dissenzienti. Successe a Zenone Cleante del quale è a dirsi.