Vite dei filosofi/Libro Settimo/Vita di Erillo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro Settimo - Vita di Erillo

../Vita di Aristone ../Vita di Dionisio IncludiIntestazione 12 luglio 2022 75% Da definire

Diogene Laerzio - Vite dei filosofi (III secolo)
Traduzione dal greco di Luigi Lechi (1842)
Libro Settimo - Vita di Erillo
Libro Settimo - Vita di Aristone Libro Settimo - Vita di Dionisio

[p. 141 modifica]

CAPO III.


Erillo.


I. Erillo, il cartaginese, disse fine la scienza, che è vivere riferendo tutto al vivere secondo la scienza e non mai passando all’ignoranza; ed essere la scienza un abito nelle fantasie, ed accogliere le sommesse alla ragione. Talvolta diceva nulla esser fine, ma le circostanze e le cose mutarlo, come lo stesso metallo che diviene o la statua d’Alessandro o di Socrate; e differire fine, e fine subietto; poichè a questo mirano anche i non sapienti, a quello il solo sapiente; ed essere indifferenti le cose che sono di mezzo tra la virtù ed il vizio.

II. I suoi libri, per vero, sono brevi, ma pieni di forza e contenenti rifutazioni contro Zenone.

III. È fama che essendo fanciullo e’ fosse amato da molti, da’ quali volendolo storce Zenone, sforzò Erillo a fondersi, ed essi furono distolti.

IV. I suoi libri sono questi: Dell’esercizioDelle passioniDell’opinioneIl legislatoreL’ostetricoIl maestro contradicenteIl preparanteIl dirigenteMercurioMedeaDialoghiTesi morali.