Wikisource:Collaborazioni/Archivio Storico Ricordi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il primo numero della Gazzetta Musicale di Milano del 1842

L'Archivio Storico Ricordi collabora ai progetti Wikimedia Foundation grazie alla presenza di un Wikimediano in residenza che si occupa della formazione dello staff e lo assiste nell'attività di condivisione dei contenuti.

Oltre alle immagini su Wikimedia Commons, l'editing di pagine in Wikipedia e l'arricchimento dei dati di Wikidata, l'Archivio Ricordi mette a disposizione la sua collezione di riviste e periodici.

La Gazzetta Musicale di Milano, primo periodico di Casa Ricordi, iniziò le pubblicazioni nel 1842. Storico settimanale italiano - fra i primi a trattare di musica, politica, attualità e spettacoli teatrali - fu attivo per sessant’anni, fino al 1902.

Alla Gazzetta si aggiunsero negli anni numerose altre iniziative editoriali: Rivista Minima (1871-1878), Musica e Musicisti (1902–1905), Ars et Labor (1906–1912), Musica d’Oggi (1919–1942 e 1958–1965) e Ricordiana (1951-1957).

Gazzetta Musicale di Milano[modifica]

Esce ogni domenica fino a novembre 1895, poi ogni giovedì, non vi sono alcune annate per chiusura della testata, come nel 1849 a seguito dei moti risorgimentali.

Nel dicembre 1888 dopo aver raccolto diversi “desiderata” dai suoi lettori, Giulio Ricordi propone attraverso un “plebiscito” alcune modifiche alla veste tipografica della rivista, fra cui la riduzione del formato e l’aumento annuale di 104 pagine. La risposta da parte del pubblico è enorme e già nel gennaio 1889 la rivista appare con le modifiche. Con il 1889 appaiono le prime illustrazioni in copertina: disegni sempre b/n che riproducono ritratti di compositori, copertine di nuovi brani, figurini delle nuove opere in cartellone come quelli di Adolf Hohenstein per Falstaff di Verdi nel 1893. Dal 1889 i fascicoli di un anno sono divisi e rilegati in 2 semestri.

Tutti i documenti già presenti in Wikisource sono elencati nella Categoria:Gazzetta Musicale di Milano.

Musica e Musicisti[modifica]

Presentata inizialmente nel 1902 come la nuova rivista illustrata bimestrale, viene regalata con la Gazzetta Musicale di Milano in formato tascabile il 15 di ogni due mesi, dal N.1 (gennaio 1902) al N.6 (novembre 1906).

Nel 1903 inizia la svolta sostituendo definitivamente la Gazzetta Musicale di Milano e ospitando le arti sorelle, come pittura e scultura, ma anche la moda femminile.

Diviene mensile con un nuovo formato (18x24) naturalmente illustrato. La sua pubblicazione avviene da gennaio 1903 a dicembre 1905, mantenendo l’uscita il 15 di ogni mese.

Tutti i documenti già presenti in Wikisource sono elencati nella Categoria: Musica e Musicisti

Ars et Labor[modifica]

Copertina del volume di Ars et Labor del 1908

Nel 1906, il motto di Casa Ricordi, Ars et Labor, diviene il titolo della nuova rivista periodica che sostituisce la precedente Musica e Musicisti

Questa rivista viene pubblicata in modo invariato a quella precedente (sempre mensile, rilegatura semestrale, articoli dal mondo, copertine di grafica contemporanea) dal 1906 al 1912. Il volume del 1908 (Categoria:Ars et Labor - 1908) è un numero straordinario che nasce per celebrare il centesimo anniversario di fondazione di Ricordi.

Il 1912 anno di chiusura della rivista coincide con la morte del suo direttore, Giulio Ricordi, avvenuta nel mese di giugno.

Tutti i documenti già presenti in Wikisource sono elencati nella Categoria: Ars et Labor


Rivista Minima[modifica]

Rivista Minima è un periodico scritto da Antonio Ghislanzoni e successivamente anche da Salvatore Farina.

Il primo numero esce nel gennaio 1865 e continua fino al gennaio 1866, con l’obbiettivo di essere una rivista leggera che esce ogni due settimane. Tra il 1866 e il 1870 il periodico si interrompe fino a riprendere la sua pubblicazione nel 1871, quando Casa Ricordi se ne prende carico dandola in regalo a chi acquista la Gazzetta Musicale di Milano. Successivamente ha vita propria fino al 1878, anno delle ultime pubblicazioni.

Tutti i documenti già presenti in Wikisource sono elencati nella Categoria: Rivista Minima

Italia Musicale[modifica]

L'Italia Musicale - Giornale Artistico Letterario- è un periodico che ha come scopo quello di unire la musica alle altre arti.

Il direttore della rivista è Francesco Lucca, noto editore musicale milanese che più volte provò a rivaleggiare Casa Ricordi, questa rivista infatti nasce come contro-risposta alla Gazzetta Musicale di Milano, settimanale edito da Ricordi.

La pubblicazione inizia nel 1847 come settimanale, interrotta nel 1849 per poi riprendere nel 1850 con un'uscita bisettimanale fino al 1859.

Tutti i documenti già presenti in Wikisource sono elencati nella Categoria:Italia Musicale


Editathon sulle riviste del 4 giugno 2021[modifica]

Vedi Wikisource:Collaborazioni/Archivio Storico Ricordi/Editathon riviste

Trascrizioni musicali[modifica]

Gnome-searchtool.svg
Vedi anche Wikisource:Collaborazioni/Archivio Storico Ricordi/Trascrizioni musicali.

I frammenti di musica e gli spartiti allegati ai vari numeri della rivista sono stati [in parte] trascritti grazie all'uso di Lilypond, tramite l'estensione Score.

Il lavoro di trascrizione è iniziato a gennaio 2022 e proseguito fino a fine luglio 2022.

Il risultato di questo lavoro, mai effettuato prima su it.wikisource, è incoraggiante: la musica è stata trascritta cercando di essere quanto più possibile fedele alla stampa o al manoscritto originale, allo scopo di fornire un aiuto laddove ci siano problemi di leggibilità. Di grande interesse è inoltre la possibilità di ascoltare la musica trascritta e di scaricarla in formato MIDI.

I risultati di questo progetto suggeriscono la possibilità di creare, in un prossimo futuro, una biblioteca libera di spartiti musicali su Wikisource, che potrebbe essere usata non solo per consultazione ed ascolto, ma anche per l'analisi.

Per ulteriori dettagli è possibile consultare la pagina Wikisource:Collaborazioni/Archivio Storico Ricordi/Trascrizioni musicali.

Altri progetti[modifica]

Collabora a Commons Commons contiene file multimediali su Progetto GLAM Ricordi