... E sluse in zielo come una speranza...

Da Wikisource.
Luigi Bauch

1922 E Indice:Luigi Bauch - ... E sluse in zielo come una speranza..., Zara 1922.djvu Raccolte di poesie Letteratura ... E sluse in zielo come una speranza... Intestazione 3 settembre 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 3 modifica]

LUIGI BAUCH



.... E SLUSE IN ZIELO

COME UNA SPERANZA....


DIESE SONETI E DIESE ANI DE STORIA ZARATINA




A S. E. IL SEN.

PAOLO BOSELLI

PRESIDENTE VENERANDO

DELLA SOCIETÀ NAZIONALE

DANTE ALIGHIERI,

IN OCCASIONE DEL XXVII CONGRESSO

A ZARA

L’AUTORE DEVOTAMENTE

D.



Editore il gruppo di Zara della „Dante Alighieri"

con i tipi dello Stabilimento E. de Schönfnld.



[p. 5 modifica]

LA DANTE XE LA GRAN STELA D’ITALIA....


Ghe vol poco a capir! Se no ’l xe istesso
poco sù, poco zo, xe quel de ieri,
Forsi el scopo xe un altro, ma 'l congresso....
— Va ben, ma quando vien Dante Alighieri?

— ?— Sta corazzada?! — Ah za! Spetemo adesso
de vederli vestii da marineri!....
Bestia! Sto qua xe un nome che s’â messo
la più gran ganga d’omeni sinzieri.

Sul nome del più grando dei poeti,
spendendo per el mondo un capital
se ghe impara el ’talian ai ’nalfabeti;

e intanto se fa scole, tal e qual
come nualtri assai più povareti
Se fava co la Lega Nazional.


.... ISTESSO, TAL E QUAL CHE QUÀ LA LEGA...


La Lega Nazional?! Xe una parola
che per nualtri sona: sentimento,
lota, fatiga, sacrefizio, scola:
un missioto de guai e de contento.

Da mezo secolo xe un tira mola,
un brigar per far su muci d'argento,
un continuo trionfo che consola,
un continuo pericolo e tormento.

Morto el nemigo, s’â serà botega,
che qua le scole fiorirà listesso,
perchè la Dante supera la Lega.

Ma come alora se farà anca adesso,
che la Dalmazia pianze, trema e prega;
anzi per questo se fa quà el congresso.

[p. 6 modifica]


... CHE IERA EL SANGUE DE LE NOSTRE VENE...


Ti te ricordi, ancora soto el gnoco,
co i serava le scole a biondo Dio?
N'altri a tegnirghe testa e a poco, a poco,
avrir le nostre e no voltarse indrio;

lori, a tentar de rebaltarne el zoco
e n'altri a dirghe: soh! pago del mio!
ma a far su i bori, se arivava, el toco,
per cussì dir, de pan robarghe al fio.

Sto quà iera la Lega, e ’l sacrefizio
xe storia che s’ha scrito e che la resta,
Sempre a rota de colo, a prezipizio,

sempre in prozinto a farse far la festa,
ma co à sonado l'ora del iudizio,
xe stado el gnoco ch’à lassà la testa.


UN GIORNO, ROTE TUTE LE CAENE...


Che tempi, vecio mio! Tempi passai
ma freschi in tel zervelo, come adesso....
Co semo corsi come spiritai
suso al Guerno, ciò! che comparmesso!

Te semo intradi in pergolo e po: dai!
s’à rebaltado l’aquila e sà messo
i colori d’Italia, conservai1
chi sa come, in scondon? per sto suzesso!

Tre giorni dopo una maceta nera
in mezo al mar se ingrossa a vista d’ocio:
la vien, la vien! xe una torpediniera!

E co l’Italia gh’à sbacado in tera,
i zaratini s’à butà in zenocio
per adorar la santa sua bandiera.

[p. 7 modifica]


... LIBARI COME OSEI, FELIZI E FORTI...


Sbarcadi i soldatini co l'elmeto,
questi novi fradei che Dio ne dava,
la gente come mata, peto a peto,
se li strucava e se li spapolava;

e nel mostrarghe el ben più puro e s-ceto
con quela comozion che ne esaltava,
Zara, santa zità del nostro afeto
tera d’Italia se la batezzava.

No ghe esiste piazer più grando e imenso
del piazer de quei giorni de delirio:
me se drizza i cavei solo co penso!

Iera fenie tute le nostre pene,
desmentegadi i giorni del martirio,
rote per sempre tute le caene.


SE GH’À SOGNÀ GRAN ROBE, ROBE SANTE...


No Zara sola, la Dalmazia tuta
iera d’Italia, almanco i lo diseva,
e vedendo calar trupa... e valuta,
orca massion! ma, e chi no ghe credeva?

Inveze, vecio, i na l’â fata bruta:
un ano dopo, quei che se iludeva,
i xe restadi co la boca suta,
che la Dalmazia più no i la voleva.

Quà ghe iera i soldai, ghe iera Milo
che pareva el paron de tuto el mondo
e ch’el gavesse in te le man el filo;

lu ch’el diseva: Ben! e mi rispondo!
e anzi voio meterghe el sigilo
col’impiantar el bataglion Rismondo.

[p. 8 modifica]


... CHE NO LE IERA INFIN CHE UN SOGNO DOLZE...


Xe capità d’Anunzio! Che momento!
Che comozion, che lagreme, che pianti!
Tocai cussì in tel vivo sentimento
se se ingruma in t’un boio in tanti e tanti

e là, se forma un vero regimento
pronti a lassar la pele tuti quanti
per lu e per Milo che i fa un giuramento
de incastonarse quà con tuti i fanti.

N’altri, marina, d’anunziani e trupa
iera una forza sola, un corpo solo,
pareva propio che l’andasse in pupa.

Ma sto afar iera fumo e gnente rosto:
Milo diseva sempre: e mi no molo!
ma inveze el fava i conti senza l'osto.


... FENIDO IN TANTE LAGREME DE SANGUE.


Un giorno, sul più belo de la festa,
Roma comanda e a Zara sua ’Celenza
te sera el slaif,2 volta barila e questa
trupa creada per la resistenza

se sbanda, se spartisse, alza la gresta.
I regolari i sta per l'obedienza,
i nostri mostra i denti, i ghe tien testa,
e nasse un caos in barba a la prudenza.

El bataglion Rismondo se lo taca
in zento contro un, nasse un mazzelo,
e ai nostri, come sempre i ghe la sgnaca,

ma per no spander sangue de fradelo
se ghe mola per ocio la baraca....
e ’l bataglion gh’à terminà anca quelo.

[p. 9 modifica]


OGI, LA STELA, COME UNA PROMESSA...


Rota la resistenza, adio speranza!
Se lassava a ’drio man zità e paese
chi per dover, chi per salvar la panza
Restava Zara per pagar le spese.

Zara, orco can! tignuda su in balanza,
ridota a sgangolir mese per mese,
ma sempre pronta a manezzar la lanza,
e mai disposta a tolerar le ofese.

Unico segno del’antica forza:
eL resto san del «Bataglion Rismondo,
che fa la guardia soto un altra scorza.

Unica fede: un nome mai secondo
Dante! che se rinova e se rinforza
e vinze, e vinze sempre in tuto el mondo.


... SLUSE SUL NOSTRO MAR, ILUMINANDO....


Se quà se ingruma la» Dante Alighieri,
stò Congresso el gh’à un fin, e lo capisse
tuti quei là che no xe nati ieri:
no se scominzia, quà, ne se finisse.

No se zioga a panfil, xe afari seri;
s’anca par che le cosse no va lisse,
lassemoghe la barca ai timonieri
che sta mareta no li spaurisse.

Se un giorno ocorarà far la fritaia
i vovi i ghe sarà, sta pur sicuro,
ma quel giorno, orco tron! sara una fraia.

Bevemo intanto a sorsi e muso duro,
no stemoghe a badar se 'l can ne sbaia
e chi che ne vol mal che beva puro.

Zara, 16 Settembre 1922.


Note

  1. La vecchia bandiera del console d’Italia, ora conservata nel nostro Museo.
  2. slaif dal tedesco schleif freno dei carri, usatissimo come figurativo.