A Dante Alighieri

Da Wikisource.
Giacomo Zanella

1868 A Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura A Dante Alighieri Intestazione 27 settembre 2009 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 66 modifica]


 
     Misurator di mondi,
Che disdegnoso di più breve lito
I pelaghi profondi
Solcar dell’infinito
5Fosti con vele ancor caduche ardito;

     Se questa età, che d’oro
Volge in sorgente lo scoperto vero,
Torna al tuo santo alloro,
Non anco del pensiero
10Tutto la creta conquistò l’impero.

     Padre, dal dì che in cielo
Eri con Bice novamente accolto,
Quanto del fosco velo
Al guardo uman fu tolto,
15Onde giaceva l’universo avvolto!

[p. 67 modifica]


     Ne’ chiostri ancor romita
Il dito non togliea dal suo volume
Filosofia, che ardita
Or drizza al sol le piume
20E le rideste menti empie di lume.

     Nell’acque di Ponente,
Ove locasti il sospiroso regno
Della compunta gente,
Spezzato ogni ritegno,
25Auspice entrò d’un Genovese il legno.

     Son mille terre; e denso
Di tesori, di popoli, di navi
S’agita un mondo immenso,
Ove ne’ flutti ignavi
30Occultarsi a’ mortali il sol pensavi.

     Lascia le anguste sedi
Esule Europa e del Meriggio ai mari,
Che le son contro a’ piedi,
Porta operosi lari,
35Liberi cambi e non macchiati altari.

     Padre, il tuo sol disparve
Co’ cieli di cristallo. Un tuo Toscano
Delle pugnate larve
Atterrò l’idol vano
40E del creato rivelò l’arcano.

[p. 68 modifica]


     A’ rai del ver caduta
È la vetusta idea. Ma la tua stella
Il mondo ancor saluta,
Che dalla tua favella
45Sentì l’aure spirar d’alba novella.

     O dell’inciso verso
Inflessibil signor che in poche carte
Hai chiuso l’universo,
Del folgore dell’arte
50L’indomabile armando ira di parte;

     Le torri e le badíe
Che ti accolsero errante, or son ruina;
Sovra men scabre vie
Umanità cammina
55Col lábaro immortal: Fede e dottrina.

     E tu nel lungo corso
Sempre innanzi le stai, come montagna
Che via per l’ampio dorso
Dell’onda, in cui si bagna,
60Le vele che dileguano, accompagna.

     Vive di te l’eterno,
Se l’umano perì. Dal ciel discende,
Risale dall’inferno
L’austero suon, che apprende
65Dell’alte cose amor che i degni accende:

[p. 69 modifica]


     Amor, che dalle pugne
Di questa valle per eccelso giro
A Lui ne ricongiugne,
Che dell’ardente spiro
70Nutre la rosa del beato empiro.

     O Padre, cui risorto
Risorse alfin l’italica fortuna,
Se mai fallisse al porto,
Ove ogni ben s’aduna,
75Questa terra fatal che ti fu cuna;

     Al tempio tuo che immoto
Leva la fronte su divine alture,
Porga fidente il voto;
E rinnovate e pure
80Dal monte scenderan l’età venture.