A biondo crin, che scarmigliato e vago

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Muscettola

XVII secolo Indice:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu Sonetti Letteratura II. Il nastro verde Intestazione 11 agosto 2022 100% Da definire

Colma d'empio furor, di rabbia armata Queste a cui chiaro stil mille comparte
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Antonio Muscettola
[p. 352 modifica]

II

IL NASTRO VERDE

     A biondo crin, che scarmigliato e vago
i campi di un bel sen scorrea fastoso,
forma con verde nastro un fren vezzoso
la bianca man per cui languir m’appago.
     Per oggetto mirar sí dolce e vago
drizza l’anima mia l’occhio bramoso,
e parle vagheggiar lieto e pomposo
tra verdi sponde imprigionato un Tago.
     Poscia tra sé ragiona: — Ah, perchè abbonde
di tempeste la speme onde son viva,
in quel verde color l’unisce a l’onde! —
     — No, no — risponde Amor; — s’egra languiva
la tua speranza, de le chiome bionde
con gli aurei flutti il suo bel verde avviva. —