A zent'anni li padroni

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A

Canti cantastoria A zent'anni li padroni Intestazione 18 febbraio 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
A zent'anni li padroni
si zi daghedi cantà
un pattu vogliu fà
non ni vogliu iscì in gherra
noi andemmu terra terra
che li cristiani vibi
tanti inoghi e tanti inchibi
faba non ni li vuremmu
tutti li dinà chi femmu
li punimmu a occi e sori
cariga di don saori
dedizinni in cantiadi
un piattu a li leccai
a li chi pononi fattu
di chissa cariga bona
a zent'anni la padrona


Traduzione

Auguri a cent'anni ai padroni
Auguri a cent'anni ai padroni
se ci danno da cantare
un patto voglio fare
non voglio scatenare una guerra
noi andiamo terra a terra
che li cristiani vivi
tanti quì e tanti altrove
fave non ne vogliamo
tutti i soldi che raccogliamo
li mettiamo sotto gli occhi
fighi secchi di buon sapore
decidiamo in quantità
di fare un piatto da leccarsi
di questi buoni fichi secchi
Auguri a cent'anni alla padrona


Note

Canto di questua per l'Epifania.