Adiecta (1905)/II/XXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Notte

../XXIV ../XXVI IncludiIntestazione 20 febbraio 2015 100% Da definire

II - XXIV II - XXVI
[p. 441 modifica]

NOTTE


     Lento lento sul canale
il crepuscolo discende,
non un remo l’acqua fende,
4non un canto, un grido sale.

     Sotto il raggio d’un fanale
l’acqua immobile risplende;
ampio intorno si distende
8il silenzio sepolcrale.

     Ma sul piano sonnolento,
ad un tratto, un’amorosa
11melodia fremer io sento,

     e sull’acqua che riposa
passa il brivido del vento
14come il bacio d’una sposa.