Alcuni opuscoli filosofici/Al serenissimo e reverendissimo principe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Al serenissimo e reverendissimo principe

../ ../Lo stampatore a' lettori IncludiIntestazione 24 gennaio 2012 100% saggi

Al serenissimo e reverendissimo principe
Alcuni opuscoli filosofici Lo stampatore a' lettori


[p. i modifica]

SERENISSIMO,


E Reverendissimo Principe.


Vostra Altezza Serenissima, in cui vivono magnanimi più che mai gli spiriti degli antichi Eroi della sua Serenissima Casa, non cessando mai di promuovere egregiamente gli Studi delle Lettere più profittevoli, dal Tesoro inestimabile delle fatiche de’ migliori Letterati, che non anno sortita la luce delle Stampe, da Lei con somma accuratezza raccolto, è restata servita di cavare queste dottissime Scritture del celebre Padre D. Benedetto Castelli Discepolo dell’impareggiabile Galileo, affinchè à commune profitto elleno sien fatte publiche per mezzo dell’impressione. Ed essendo, per mia gran ventura, tocco à mè lo stamparle, hò stimato corrermi rigoroso debito di farle uscire col nome in fronte di V. A. S. sì perch’elleno, senza il patrocinio di quella, Dio sà quando fussero mai uscite dalle tenebre de gli Studij privati; e quando pure avessero goduto simil vantaggio, sarebbono per avventura [p. ii modifica]comparse trasformate stranamente: sì ancora perche i miei Torchi sono in possesso di stampare le Opere de’ migliori Matematici moderni, ed in particolare delle sublime Scuole del già mentovato ammirabile Galileo. Le di cui Opere, come incontrarono aggradimento quando ridotte in un corpo, medianti i favori di V. A. S. furono presentate al Sereniss. Gran Duca Fratello di V. A. così mi lascio io lusingare da una ragionevole speranza, che questo Libretto del P. Castelli abbia da esser ricevuto dall’A. V. con sì grato ciglio stampato, quanto già le fù caro manuscritto. Eccomi per tanto à piedi di V. A. con ogni maggior sommessione à farle omaggio di mè stesso, & à renderle l’Opera sua; supplicandola à compartire alla mia viva divozione alcuna parte della sua benignissima grazia, e protezione, della quale sommamente ansioso con profondissima reverenza mi costituisco, e pubblico

Di V. A. Serenissima


Di Bologna li 25. Marzo 1669.


Umiliss. Devotiss. & Obligatiss. Servitore
Piero Dozza.