Alessandro Manzoni - studio biografico/Proemio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Dedica

../Capitolo I IncludiIntestazione 24 dicembre 2010 100% Da definire

Dedica Capitolo I
[p. 5 modifica]

PROEMIO DEL LIBRO.


— *—



Il Discorso che segue, col quale tentai di studiare la vita del primo tra i nostri moderni scrittori, fu letto in tre giorni consecutivi dello scorso maggio in una sala della Taylorian Institution di Oxford, innanzi ad eletto uditorio che mi è venuto intorno, fino all’ultimo, crescendo per numero e benevolenza.

Dovendo ogni lettura restringersi al breve giro di un’ora, dovetti pure, per non abusare della pazienza de’ miei cortesi uditori, sopprimere parecchie parti del Discorso che io avea preparato per la importante e splendida occasione, e che un’ora non avrebbe bastato a svolgere. Desidero ora dunque ricolmare nella stampa le inevitabili lacune di que’ discorsi, lieto d’offrire, per intiero, ai dotti e gentili Curatori dell’Istituto Oxoniano e a’ miei proprii concittadini il frutto di que’ pochi studii da me fatti sopra lo scrittore italiano, che ho più ammirato nell’età nostra e dal nome del quale tolse pure il proprio il carissimo fanciullo, nel quale io ho riposto le mie migliori speranze. Mi sia ora indulgente la critica, com’io sono sicuro che [p. 6 modifica]furono onesti tutti gl’intendimenti che mi hanno mosso a scrivere; e chi ha poi qualche cosa di meglio e di più da dire intorno al Manzoni lo dica, che non troverà, per un tèma così simpatico, alcun lettore più attento di me e più desideroso d’imparare. Io non sono, e lo dichiaro subito, idolatra d’alcun nome; ma è pure tanto in me il sentimento della grandezza dell’uomo che ha chiuso in Italia tutto un secolo di storia letteraria, che spero di non essere accusato per falsa modestia, s’io confesso ingenuamente che il tèma altissimo mi sgomenta, e ch’io lo riconosco, pur troppo, superiore ad ogni mia virtù.

S’io dovessi qui solamente discorrere degli scritti di Alessandro Manzoni, mi farei animo a ragionarne, reso forte ed illuminato dal consenso ammirativo dell’universo che legge; ma quando un uomo s’inalza alla grandezza del Manzoni, quando, dopo avere contemplato questo mirabile gigante dell’arte nostra, è necessità persuadersi che la sua originalità è specialmente riposta nel suo modo particolare di sentire, e questo modo di sentire non si può bene comprendere e non si ha quindi il diritto di giudicarlo, se non fa germogliare insieme il proponimento virtuoso di conformare la propria vita a que’ sentimenti medesimi, io mi domando con piena sincerità: «Sono io degno di parlare di Alessandro Manzoni?» Io non voglio inalzarmi qui come critico sopra di esso; voglio anch’io guardare in su, e con tanto maggior obbligo di Giuseppe Giusti che pure avrebbe avuto per la qualità dell’ingegno il diritto di guardare il Manzoni in faccia; ma lo parole verrebbero a morirmi sopra le [p. 7 modifica]labbra, se io non sapessi ammirare il Manzoni altrimenti che come un altro uomo che sia stato più grande di noi tutti, per sè stesso soltanto, e non ancora per lasciarci alcun memorabile esempio.

Ora io che ho sempre desiderato richiamare molta gioventù della mia terra a ristudiarlo con me, io che lo propongo sicuramente ad esempio,1 non lo [p. 8 modifica]potrei, non dovrei poterlo fare, se prima non avessi fatto promessa a me medesimo di seguire docilmente i principii di quella filosofia letteraria che ammiro sovra ogni altra. E, pur troppo, per quanto sia grande in me il desiderio, sento povere le forze ed insufficienti all’uopo; e ripeto, pieno di confusione e di sincerità, il domine, non sum dignus.

Ma io prevedo, pur troppo, a questo punto il moto impaziente di alcuni lettori, i quali prima di proseguire avranno già sentenziato presso a poco così: «Abbiamo capito, l’Autore ci promette un panegirico, invece d’uno studio critico; invece d’un Manzoni diminuito e fatto minutamente, come ora si deve, in pezzi, avremo un Manzoni altissimo, iperbolico, messo sugli altari ed idealeggiato, per edificazione de’ buoni.» Chi ha di tali impazienze non legga più oltre. Io voglio sì, io spero provare come il Manzoni fu grande, com’egli è stato, e sarà forse ancora per molto tempo, il massimo de’ nostri scrittori; ma chi teme una tale dimostrazione, chi non la permette, chiuda il libro; chè, in verità, io non lo scrivo con la speranza [p. 9 modifica]di convertire alcun profano, ma nel desiderio, il quale può ingannarmi, ma è onesto, di delineare il Manzoni quale mi apparve, dopo averlo ricercato attentamente ne’ suoi scritti e nelle memorie del nostro tempo; e, poichè ne verrà fuori, come io spero, non solo la figura di un grande scrittore, ma ancora quella di un grand’uomo, sì mi tenta anche la speranza che alcuno già ben disposto, innamorandosi più forte della sua figura, si giovi dell’esempio che sotto di essa si cela, come tento io stesso di cavarne come posso alcun profitto non solo per l’arte dello scrivere, ma per quella assai più difficile del vivere. Da queste stesse parole si deve, parmi, capire che io non mi propongo di scrivere la vita d’un Santo; se il Manzoni fosse stato un uomo perfetto in ogni cosa, non ci rimarrebbe altro che adorarlo. Ma poich’egli era mortale come noi e soggetto ad errare ed alcuna volta può avere anch’esso umanamente errato, sarà utile a noi l’apprendere in qual modo egli vincesse le sue battaglie ideali, e quale ostinazione virtuosa egli abbia messo per vincere. «Ma noi non vogliamo più la noia di libri siffatti, che ci diano la biografia d’uno scrittore, con l’intendimento dichiarato di offrirci un modello virtuoso. Dateci l’uomo come l’avete visto. Penseremo noi alla conclusione, se ce ne sarà da farne alcuna, o non ne faremo, che sarà il meglio. Risparmiateci dunque i vostri fervorini.» Sento già correre in aria queste parole più di minaccia che di consiglio; e, mettendomene in pensiero, prometto, fin d’ora, che risparmierò i fervorini, quanto mi sarà possibile, ma non prometto poi nulla di più: perchè, [p. 10 modifica]se, nello scrivere, mi accadrà, in qualche momento, che il cuore mi batta un poco più rapido, e mi esca per avventura una parola più calda, io non sacrificherò quel po’ di fuoco che m’accende ancora, ad alcun domma della nuova critica; poichè io non ammetto, e lo dichiaro subito, in alcuna opera d’arte, principii, i quali escludano il principale, anzi il solo creatore d’ogni arte grande, che è il sentimento.


— *—

Note

  1. Che la mia venerazione pel Manzoni sia oramai antica, ne recherò qui un breve documento. Ero studente nella Università di Torino; nella Facoltà di lettere si era disegnata la fondazione di un giornale letterario; io doveva esserne il direttore e proporne il titolo. Posi innanzi il nome di Alessandro Manzoni. Ma, temendo pure che al Manzoni potesse non piacere che da lui s’intitolasse un giornale di studenti, il quale avrebbe potuto riuscir battagliero, gli scrissi, in nome de’ miei compagni, per domandare un permesso che alla nostra fiera, ma pur delicata, baldanza giovanile pareva necessario. Il venerando uomo si turbò all’idea che il suo nome potesse diventar simbolo di una battaglia di giovani, e c’indirizzò la lettera seguente, finqui inedita, l’autografo della quale trovasi ora nelle mani dell’egregio Antonio Ghislanzoni a Lecco:

         «Pregiatissimi Signori, Non ho mai avuto nell’animo un conflitto d’opposti sentimenti, come quello d’una profonda riconoscenza e d’un vivo dispiacere che m’ha fatto nascere la troppo cortese lettera, di cui m’hanno voluto onorare. Ma la benevolenza che attesta in ogni sua parte, mi dà la certezza che di que’ sentimenti non mi rimarrà che il primo. Per codesta così spontanea e per me preziosa benevolenza, Vi prego dunque, Signori, di non dare al giornale, l’annunzio del quale mi rallegra, il titolo che v’eravate proposto. Sarebbe una cagione di vero e continuo turbamento alla mia vecchiezza, che, per quaggiù, non aspira ad altro che alla quiete. L’indulgentissimo vostro giudizio è già una gran ricompensa per de’ lavori che non hanno altro merito, che d’esser fatti in coscienza. Confido, anzi mi tengo sicuro che non me la vorrete cambiare in un castigo, e che potrò goder subito in pace la speranza de’ frutti che mi promette il saggio del vostro ingegno e del vostro cuore. Chiudo in fretta la lettera perchè arrivi a tempo, come desidero ardentemente, e mi rassegno
    » Milano, 7 novembre 1859.


    » Dov.mo obbl.mo

    » Alessandro Manzoni. »

    Ricevuta questa lettera stimammo debito nostro, per rispetto alla volontà del Manzoni, rinunciare tosto al primo titolo desiderato di Alessandro Manzoni, e ne sostituimmo perciò un altro che, nel nostro pensiero, doveva riuscire equivalente. Il nuovo giornale s’intitolò per tanto: La Letteratura civile; ebbe, tuttavia, la vita solita de’ giornali compilati da studenti.