Altr'armi, altr'arti, che di Marte fiero

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Benedetto Menzini

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Altr’armi, altr’arti, che di Marte fiero Intestazione 16 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Benedetto Menzini


[p. 279 modifica]

XVI1


Altr’armi, altr’ arti, che di Marte fiero,
     Oggi Annibale appresta; armi d’Ingegno,
     Che van di gloria all’onorato segno
     Per dolce, ed aspro di virtù sentiero
5Quei, che di Roma contrastò l’Impero,
     Ch’altro potè vantar, che un crudo sdegno
     Per cui giurò, che d’ogni oltraggio indegno
     Fora all’Italia apportator primiero.
Il nostro nò, chè placidi e clementi
     10Vibra suoi strali: ed è sua regia sorte
     Far de’ lauri di Pallaombra alle genti.
Apransi a Lui d’onor l’eccelse porte
     Che trionfar dell’espugnate menti
     Gloria è maggior, che d’Annibale il forte.


Note

  1. Nel Dottorato di D. Annibale Albani.