Breve trattato delle cause che possono far abbondare li regni d'oro e d'argento dove non sono miniere/Parte prima/Capitolo VII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo VII

../Capitolo VI ../Capitolo VIII IncludiIntestazione 15 giugno 2020 25% Da definire

Parte prima - Capitolo VI Parte prima - Capitolo VIII

[p. 163 modifica]

CAPITOLO VII

Che non vi siano altre cause che le predette.

Altre cause delle predette non vi sono, che non siano o cause o occasioni subalternate a quelle; sí come, se si vuol ponere per occasione d’alcun momento, quando ciò fosse, il prezzo basso del cambio, saria occasione che saria subalternata all’accidente commune del trafico; e cosí ancora l’occasione del prezzo basso dell’entrate, che similmente staria sotto l’accidente predetto del trafico; come ancora il prezzo alto della moneta si porrebbe sotto l’accidente della provisione di colui che governa. Le quali cose e simili non si possono dir "cause" né meno subalternate, ma "occasione", perché non producono l’effetto necessariamente, benché al detto De Santis il solo prezzo basso del cambio gli abbia parso non solo causa principale e potente, ma unica, e cosí il prezzo alto della moneta; del che si ragionerá nella seconda e terza parte. Si conclude, dunque, altre cause che le predette non vi essere, che siano principali; le quali acciò meglio s’intendano e con essempio si conoscano, si fará comparazione della cittá di Napoli con alcune cittá d’Italia, discorrendo d’alcuni accidenti di detta cittá pertinenti a questo proposito.