Buscia!

Da Wikisource.
napoletano

Giovanni Capurro Francesco Paolo Frontini 1902 B Indice:Buscia!.pdf Canti cantastoria Buscia! Intestazione 10 maggio 2016 100% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
[p. 1 modifica]

BUSCIA!


Nun fuste tu ca nzino a me diciste
Te voglio bene quanto a vita mia?.....
Te si scurdata è ovè, ca m’a strigniste
dicenno: io per te moro ’e gelusia?
5Chelle guardate chiene ’e passione,
nfra nu suspiro e nu vasillo doce,
m’hanno rimasta tanta mpressione
ca si nce penzo tremma pure ’a voce.

Na sera ’e luna ah! nun mà scordo maie,
10stu core se squagliava pe gulio;
dì, quanto me vuo bene, te spiaie,
diciste: Quanto a chella luce ’e Dio!
Allora ’a luna ncielo te sentette,
e si se conta pare na pazzia!
15passaje na nuvola e s’annascunnette,
pecchè sapeva ch’era na buscia!


GIOVANNI CAPURRO.


Traduzione

Non fosti tu a dirmi, sul mio petto,
ti voglio bene come alla vita mia ?...
Ti sei scordata, vero, che mi stringesti,
dicendo: io per te muoio di gelosia?
Quegli sguardi pieni di passione,
fra un sospiro ed un bacino dolce,
m’hanno lasciata una tale impressione
che se ci penso mi trema anche la voce.

Una sera di luna ah! Non lo scordo,
questo mio cuore sciolto dal desiderio:
di’, quanto mi vuoi bene, domandai,
dicesti: Quanto quella luce di Dio!
La luna in cielo udì le tue parole,
e, a raccontarlo sembra una pazzia!
Passò una nuvola e vi si nascose,
perché sapeva che era una bugia!


(Musica)