Canzone del muratore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
C

canti cantastoria Canzone del muratore Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Il lunedì poi
è il giorno di san Crispino
mi piace bere il vino
non voglio lavorar
larallallà lallà

Il lunedì poi
è il giorno di san Crispino
mi piace bere il vino
non voglio lavorar

Il martedì poi
è il giorno seguente
non voglio fare niente
non voglio lavorar
larallallà lallà

Il mercoledì poi
mi casca giù il martello
e giusto per quello
non voglio lavorar
larallallà lallà

Il giovedì poi
l'è fiera a Bussolengo
io vado a ramengo
non voglio lavorar
larallallà lallà

Il venerdì poi
l'è giorno di dolore
l'è morto il Signore
non voglio lavorar
larallallà lallà

Il sabato poi
l'è giorno di paga
per mal che la vaga
non voglio lavorar
larallallà lallà

Ma viene la domenica
mi tiro sul cantone
aspetto il padrone
che venga a ripagar
larallallà lallà

Arriva il padrone
l'è tutto arrabbiato
va via vigliacco
va via di qua
larallallà lallà

Io son della ligera
e poco me ne importa
che vaga in su l'ostia
la fabbrica e il padron
larallallà lallà