Canzoniere (Dante da Maiano)/Aggio talento, s'eo savesse, dire

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Aggio talento, s'eo savesse, dire

../Convemmi dimostrar lo meo savere ../Di voi mi stringe tanto lo disire IncludiIntestazione 8 settembre 2009 75% Sonetti

Dante da Maiano - Canzoniere (XIII secolo)
Aggio talento, s'eo savesse, dire
Convemmi dimostrar lo meo savere Di voi mi stringe tanto lo disire

 
Aggio talento, s’eo savesse, dire
como e quanto avete di bellore,
ma sovra ciò mi sento el cor fremire,
sì poggia altero voi pregio e valore.
5Greve mi sembra, donna, a lo ver dire,
cha lingua d’omo o pensiero di core
o guardo d’occhi possan ben ciausire
o sì nomar com’è vostro laudore;
ch’a voi sopleia, bella, ogne bieltate,
10tutto plagere, pregio e cortesia,
savere, canoscenza e umil[i]tate.
Così avanza, in pura veritate,
quant’è di bene vostra segnoria,
com’ fa lo sole ogn’altra chiaritate.