Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Come 'l candido pie' per l'erba fresca

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Come 'l candido pie' per l'erba fresca

../Or che 'l ciel et la terra e 'l vento tace ../S'i' fussi stato fermo a la spelunca IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Or che 'l ciel et la terra e 'l vento tace S'i' fussi stato fermo a la spelunca

 
Come ’l candido pie’ per l’erba fresca
i dolci passi honestamente move,
vertú che ’ntorno i fiori apra et rinove,
de le tenere piante sue par ch’esca.

5Amor che solo i cor’ leggiadri invesca
né degna di provar sua forza altrove,
da’ begli occhi un piacer sí caldo piove
ch’i’ non curo altro ben né bramo altr’ésca.

Et co l’andar et col soave sguardo
10s’accordan le dolcissime parole,
et l’atto mansüeto, humile et tardo.

Di tai quattro faville, et non già sole,
nasce ’l gran foco, di ch’io vivo et ardo,
che son fatto un augel notturno al sole.