Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Dodici donne honestamente lasse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dodici donne honestamente lasse

../S'una fede amorosa, un cor non finto ../Passer mai solitario in alcun tetto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

S'una fede amorosa, un cor non finto Passer mai solitario in alcun tetto

 
Dodici donne honestamente lasse,
anzi dodici stelle, e ’n mezzo un sole,
vidi in una barchetta allegre et sole,
qual non so s’altra mai onde solcasse.

5Simil non credo che Iason portasse
al vello onde oggi ogni uom vestir si vòle,
né ’l pastor di ch’anchor Troia si dole;
de’ qua’ duo tal romor al mondo fasse.

Poi le vidi in un carro trïumfale,
10Laurëa mia con suoi santi atti schifi
sedersi in parte, et cantar dolcemente.

Non cose humane, o visïon mortale:
felice Autumedon, felice Tiphi,
che conduceste sí leggiadra gente!