Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/L'alto et novo miracol ch'a' dí nostri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'alto et novo miracol ch'a' dí nostri

../Quella per cui con Sorga ò cangiato Arno ../Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quella per cui con Sorga ò cangiato Arno Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena

 
L’alto et novo miracol ch’a’ dí nostri
apparve al mondo, et star seco non volse,
che sol ne mostrò ’l ciel poi sel ritolse,
per adornarne i suoi stellanti chiostri,

5vuol ch’i’ depinga a chi nol vide, e ’l mostri,
Amor, che ’n prima la mia lingua sciolse,
poi mille volte indarno a l’opra volse
ingegno, tempo, penne, carte, e ’nchiostri.

Non son al sommo anchor giunte le rime:
10in me il conosco; et proval ben chiunque
è ’nfin a qui, che d’amor parli o scriva.

Chi sa pensare, il ver tacito estime,
ch’ogni stil vince, et poi sospire: - Adunque
beati gli occhi che la vider viva. -