Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/O dolci sguardi, o parolette accorte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O dolci sguardi, o parolette accorte

../In dubbio di mio stato, or piango or canto ../I'pur ascolto, et non odo novella IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

In dubbio di mio stato, or piango or canto I'pur ascolto, et non odo novella

 
O dolci sguardi, o parolette accorte,
or fia mai il dí ch’i’ vi riveggia et oda?
O chiome bionde di che ’l cor m’annoda
Amor, et cosí preso il mena a morte;

5o bel viso a me dato in dura sorte,
di ch’io sempre pur pianga, et mai non goda:
o chiuso inganno et amorosa froda,
darmi un piacer che sol pena m’apporte!

Et se talor da’ belli occhi soavi,
10ove mia vita e ’l mio pensero alberga,
forse mi vèn qualche dolcezza honesta,

súbito, a ciò ch’ogni mio ben disperga
et m’allontane, or fa cavalli or navi
Fortuna, ch’al mio mal sempre è sí presta.