Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Poi che mia speme è lunga a venir troppo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Poi che mia speme è lunga a venir troppo

../Sí tosto come aven che l'arco scocchi ../Fuggendo la pregione ove Amor m'ebbe IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Sí tosto come aven che l'arco scocchi Fuggendo la pregione ove Amor m'ebbe

 
Poi che mia speme è lunga a venir troppo,
et de la vita il trappassar sí corto,
vorreimi a miglior tempo esser accorto,
per fuggir dietro piú che di galoppo;

5et fuggo anchor cosí debile et zoppo
da l’un de’ lati, ove ’l desio m’à storto:
securo omai, ma pur nel viso porto
segni ch’i’ò presi a l’amoroso intoppo.

Ond’io consiglio: Voi che siete in via,
10volgete i passi; et voi ch’Amore avampa,
non v’indugiate su l’extremo ardore;

ché perch’io viva de mille un no scampa;
era ben forte la nemica mia,
et lei vid’io ferita in mezzo ’l core.