Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Rapido fiume che d'alpestra vena

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rapido fiume che d'alpestra vena

../Ben mi credea passar mio tempo omai ../I dolci colli ov'io lasciai me stesso IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Ben mi credea passar mio tempo omai I dolci colli ov'io lasciai me stesso

 
Rapido fiume che d’alpestra vena
rodendo intorno, onde ’l tuo nome prendi,
notte et dí meco disïoso scendi
ov’Amor me, te sol Natura mena,

5vattene innanzi: il tuo corso non frena
né stanchezza né sonno; et pria che rendi
suo dritto al mar, fiso u’ si mostri attendi
l’erba piú verde, et l’aria piú serena.

Ivi è quel nostro vivo et dolce sole,
10ch’addorna e ’nfiora la tua riva manca:
forse (o che spero?) e ’l mio tardar le dole.

Basciale ’l piede, o la man bella et bianca;
dille, e ’l basciar sie ’nvece di parole:
Lo spirto è pronto, ma la carne è stanca.