Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/S'i' 'l dissi mai, ch'i' vegna in odio a quella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
S'i' 'l dissi mai, ch'i' vegna in odio a quella

../Dolci ire, dolci sdegni et dolci paci ../Ben mi credea passar mio tempo omai IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

S'i' 'l dissi mai, ch'i' vegna in odio a quella
Dolci ire, dolci sdegni et dolci paci Ben mi credea passar mio tempo omai

 
S’i’ ’l dissi mai, ch’i’ vegna in odio a quella
del cui amor vivo, et senza ’l qual morrei;
s’i’ ’l dissi, che miei dí sian pochi et rei,
et di vil signoria l’anima ancella;
5s’i’ ’l dissi, contra me s’arme ogni stella,
et dal mio lato sia
Paura et Gelosia,
et la nemica mia
piú feroce ver ’me sempre et piú bella.

10S’i’ ’l dissi, Amor l’aurate sue quadrella
spenda in me tutte, et l’impiombate in lei;
s’i’ ’l dissi, cielo et terra, uomini et dèi
mi sian contrari, et essa ognor piú fella;
s’i’ ’l dissi, chi con sua cieca facella
15dritto a morte m’invia,
pur come suol si stia,
né mai piú dolce o pia
ver’ me si mostri, in atto od in favella.

S’i’ ’l dissi mai, di quel ch’i’ men vorrei
20piena trovi quest’aspra et breve via;
s’i’ ’l dissi, il fero ardor che mi desvia
cresca in me quanto il fier ghiaccio in costei;
s’i’ ’l dissi, unqua non veggianli occhi mei
sol chiaro, o sua sorella,
25né donna né donzella,
ma terribil procella,
qual Pharaone in perseguir li hebrei.

S’i’ ’l dissi, coi sospir, quant’io mai fei,
sia Pietà per me morta, et Cortesia;
30s’i’ ’l dissi, il dir s’innaspri, che s’udia
sí dolce allor che vinto mi rendei;
s’i’ ’l dissi, io spiaccia a quella ch’i’torrei
sol, chiuso in fosca cella,
dal dí che la mamella
35lasciai, finché si svella
da me l’alma, adorar: forse e ’l farei.

Ma s’io nol dissi, chi sí dolce apria
meo cor a speme ne l’età novella,
regg ’anchor questa stanca navicella
40col governo di sua pietà natia,
né diventi altra, ma pur qual solia
quando piú non potei,
che me stesso perdei
(né piú perder devrei).
45Mal fa chi tanta fe’ sí tosto oblia.

I’nol dissi già mai, né per dir poria
per oro o per cittadi o per castella.
Vinca ’l ver dunque, et si rimanga in sella,
et vinta a terra caggia la bugia.
50Tu sai in me il tutto, Amor: s’ella ne spia,
dinne quel che dir dêi.
I’ beato direi,
tre volte et quattro et sei,
chi, devendo languir, si morí pria.

55Per Rachel ò servito, et non per Lia;
né con altra saprei
viver, et sosterrei,
quando ’l ciel ne rappella,
girmen con ella in sul carro de Helia.