Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Signor mio caro, ogni pensier mi tira

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Signor mio caro, ogni pensier mi tira

../Aspro core et selvaggio, et cruda voglia ../Oimè il bel viso, oimè il soave sguardo IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Aspro core et selvaggio, et cruda voglia Oimè il bel viso, oimè il soave sguardo

 
Signor mio caro, ogni pensier mi tira
devoto a veder voi, cui sempre veggio:
la mia fortuna (or che mi pò far peggio?)
mi tene a freno, et mi travolge et gira.

5Poi quel dolce desio ch’Amor mi spira
menami a morte, ch’i’ non me n’aveggio;
et mentre i miei duo lumi indarno cheggio,
dovunque io son, dí et notte si sospira.

Carità di signore, amor di donna
10son le catene ove con molti affanni
legato son, perch’io stesso mi strinsi.

Un lauro verde, una gentil colomna,
quindeci l’una, et l’altro diciotto anni
portato ò in seno, et già mai non mi scinsi.