Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Solea lontana in sonno consolarme

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Solea lontana in sonno consolarme

../Qual paura ò, quando mi torna a mente ../O misera et horribil visïone! IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Qual paura ò, quando mi torna a mente O misera et horribil visïone!

 
Solea lontana in sonno consolarme
con quella dolce angelica sua vista
madonna; or mi spaventa et mi contrista,
né di duol né di téma posso aitarme;

5ché spesso nel suo vólto veder parme
vera pietà con grave dolor mista,
et udir cose onde ’l cor fede acquista
che di gioia et di speme si disarme.

" Non ti soven di quella ultima sera
10- dice ella - ch’i’ lasciai li occhi tuoi molli
et sforzata dal tempo me n’andai?

I’ non tel potei dir, allor, né volli;
or tel dico per cosa experta et vera:
non sperar di vedermi in terra mai".