Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXIX

../O aspectata in ciel beata et bella ../Giovene donna sotto un verde lauro IncludiIntestazione 17 luglio 2008 100% poesie

O aspectata in ciel beata et bella Giovene donna sotto un verde lauro

 
Verdi panni, sanguigni, oscuri o persi
non vestí donna unquancho
né d’òr capelli in bionda treccia attorse,
sí bella     com’è questa che mi spoglia
d’arbitrio, et dal camin de libertade5
seco mi tira,     sí ch’io non sostegno
alcun giogo men grave.

Et se pur s’arma talor a dolersi
l’anima a cui vien mancho
consiglio, ove ’l martir l’adduce in forse,10
rappella     lei da la sfrenata voglia
súbita vista, ché del cor mi rade
ogni delira     impresa, et ogni sdegno
fa ’l veder lei soave.

Di quanto per Amor già mai soffersi,15
et aggio a soffrir ancho,
fin che mi sani ’l cor colei che ’l morse,
rubella     di mercé, che pur l’envoglia,
vendetta fia, sol che contra Humiltade
Orgoglio et Ira     il bel passo ond’io vegno20
non chiuda et non inchiave.

Ma l’ora e ’l giorno ch’io le luci apersi
nel bel nero et nel biancho
che mi scacciâr di là dove Amor corse,
novella     d’esta vita che m’ addoglia25
furon radice, et quella in cui l’etade
nostra si mira,     la qual piombo o legno
vedendo è chi non pave.

Lagrima dunque che dagli occhi versi
per quelle, che nel mancho30
lato mi bagna chi primier s’accorse,
quadrella,     dal voler mio non mi svoglia,
ché ’n giusta parte la sententia cade:
per lei sospira     l’alma, et ella è degno
che le sue piaghe lave.35

Da me son fatti i miei pensier’ diversi:
tal già, qual io mi stancho,
l’amata spada in se stessa contorse;
né quella     prego che però mi scioglia,
ché men son dritte al ciel tutt’altre strade40
et non s’aspira     al glorïoso regno
certo in piú salda nave.

Benigne stelle che compagne fersi
al fortunato fianco
quando ’l bel parto giú nel mondo scórse!45
ch’è stella     in terra, et come in lauro foglia
conserva verde il pregio d’onestade,
ove non spira     folgore, né indegno
vento mai che l’aggrave.

So io ben ch’a voler chiuder in versi50
suo laudi, fôra stancho
chi piú degna la mano a scriver porse:
qual cella     è di memoria in cui s’accoglia
quanta vede vertú, quanta beltade,
chi gli occhi mira     d’ogni valor segno,55
dolce del mio cor chiave?

Quanto il sol gira,     Amor piú caro pegno,
donna, di voi non ave.