Caru cumpari

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
calabrese

C Canti cantastoria Caru cumpari Intestazione 26 maggio 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Caru cumpari,
stasira vinni mu ‘mbi cantu,
ca mi dissaru c'ammazzastivu u porceju,
pecchì avanzi a porta vostra vittaru li pili,
pecchì avanzi a porta vostra vittaru li pili,
pecchì avanzi a porta vostra vittaru li pili.

2Caru cumpari,
vinni mu provu li frittuli toi,
ma nommu ti pari ca nui simu assai,
simu'ottu compari e novi amici toi,
e li cummari arredu li dassài,
ca stannu venendu cu l'amici soi,
ca stannu venendu cu l'amici soi,
ca stannu venendu cu l'amici soi.


Traduzione

Caro compare,
questa sera sono venuto a cantare,
perché mi hanno detto che avete ammazzato il maiale,
perché davanti alla vostra porta hanno visto i peli,
perché davanti alla vostra porta hanno visto i peli,
perché davanti alla vostra porta hanno visto i peli.

2Caro compare,
sono venuto ad assaggiare le tue “frittole”,
ma non pensare che siamo in tanti,
siamo otto compari e nove amici tuoi,
e le comari dietro l'ho lasciati,
che stanno arrivando con le loro amiche,
che stanno arrivando con le loro amiche,
che stanno arrivando con le loro amiche.


Note

Antica serenata cantata e suonata ancora oggi, in occasione della "Festa del Maiale", nel territorio di Mammola in Provincia di Reggio Calabria, abitato fin dai tempi della Magna Grecia, ricade nel Parco Nazionale dell'Aspromonte.

Bibliografia

  • Gino Larosa - Mammola: Storia, Cultura, Tradizioni, Arte, Ambiente, Turismo, Itinerari, Gastronomia, Foto. - Archivio e testi privati.

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Caru cumpari

Collegamenti esterni