Catullo e Lesbia/Annotazioni/23. A Rufo - LXXVII Ad Rufum

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../22. Ad Alfeno - XXX Ad Alphenum

../24. Ad Ravido - LXVIII Ad Ravidum IncludiIntestazione 14 febbraio 2016 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Annotazioni - 23. A Rufo - LXXVII Ad Rufum
Annotazioni - 22. Ad Alfeno - XXX Ad Alphenum Annotazioni - 24. Ad Ravido - LXVIII Ad Ravidum
[p. 309 modifica]

LXXVII.


Pag. 214.          Frustra? imo magno cum pretio atque malo.

Invano? Che! L’averti creduto amico mi è costato molto dolore, dacchè ho sperimentato la tua [p. 310 modifica]perfidia; ho conosciuta la tua falsità a mie proprie spese; non sine magna mercede, come disse Cicerone. Pretium, al pari di merces, è usato in buona e in mala parte, in senso di premio e di castigo; come si rileva chiaramente da quei versi di Virgilio:

Ausus Pelidæ pretium sibi poscere currus.
Illum Tydides adio pro talibus ausis
Affecit pretio.