Catullo e Lesbia/Annotazioni/22. Ad Alfeno - XXX Ad Alphenum

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../21. - LX

../23. A Rufo - LXXVII Ad Rufum IncludiIntestazione 14 febbraio 2016 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Annotazioni - 22. Ad Alfeno - XXX Ad Alphenum
Annotazioni - 21. - LX Annotazioni - 23. A Rufo - LXXVII Ad Rufum
[p. 308 modifica]

LXXXII.



Che risponde a quello dell’Epitalamio:

Dieta nihil metuere, nihil periuria curant;

[p. 309 modifica]e a quell’altro:

Inrita ventosæ linquens promissa procellæ,

che Ovidio riprodusse:

Inrita ventosæ rapiebant cuncta procellæ,

e l’Ariosto imitò:

I giuramenti e le promesse vanno
Dai venti in aria dissipate e sparse.


E Virgilio:

At sperate Deos memores fandi atque nefandi.

La fede, che, come dice Cicerone, è il fondamento della giustizia, fu Dea venerata dai Romani, e presedeva al mantenimento della parola e delle promesse. Populus romanus, scrive Aulo Gellio, e parva origine ad tantæ amplitudinis instar emicuit: sed omnium maxime atque precipue Fidem coluit, sanctamque habuit tam privatim quam publice.