Che speri instabil Dea, di sassi e spine

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Metastasio

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Che speri instabil Dea, di sassi e spine Intestazione 9 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pietro Metastasio


[p. 281 modifica]

I


Che speri instabil Dea, di sassi e spine
    Ingombrando a’ miei passi ogni sentiero?

[p. 282 modifica]

     Ch’io tremi forse a un guardo tuo severo?
     Ch’io sudi forse a imprigionarti il crine?
5Serba queste minacce a le meschine
     Alme soggette al tuo fallace impero:
     Ch’io saprei, se cadesse il mondo intero,
     Intrepido aspettar le sue rovine.
Non son nuove per me queste contese;
     10Pugnammo, il sai, gran tempo; più valente
     Con agitarmi il suo furor mi rese.
Che da la ruota e dal martel cadente
     Mentre soffre l’acciar colpi ed offese,
     E più fino diventa e più lucente.