Contrario affetto il cor m'assale, e stringe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cornelio Bentivoglio d'Aragona

P Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 29 giugno 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Cornelio Bentivoglio


[p. 60 modifica]

VI


Contrario affetto il cor m’assale, e stringe,
     Che mi punge talor, talor m’affrena:
     Affetto di piacer misto, e di pena,
     Ch’ora m’avviva, ed ora a morte spinge,
5Al pensier lieto Amor promette, e finge
     In dolce servitù vita serena:
     Mi dimostra il timor di qual catena
     La tiranna dell’alme ogni alma cinge
Corre il desio dove l’invita un seno
     10Ma un ciglio maestoso, impongli il morso,
     E nato appena, il mio sperar vien meno.
Ah ch’io son qual destrier, cui prema il dorso
     Cavaliere inesperto, e il tenga a freno,
     Mentre co’ sproni lo sospinge al corso.